CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1106/A

LAI - COCCO Daniele Secondo - GAIA - PIZZUTO - ZEDDA Paolo, con richiesta di risposta scritta, sulla condizione contrattuale dei lavoratori che si occupano della gestione degli impianti di trattamento delle acque reflue in capo ad Abbanoa.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
-    Abbanoa Spa è il gestore unico del Servizio idrico integrato a seguito dell'affidamento "in house providing" avvenuto con deliberazione dell'assemblea dell'Autorità d'ambito, oggi Ente di governo dell'ambito della Sardegna;
-    Abbanoa Spa suddivide in 5 lotti il territorio regionale per lo svolgimento della sua attività inerente la "conduzione, sorveglianza, controllo e manutenzione degli impianti di depurazione e sollevamento fognari e la conservazione, adeguamento e miglioramento del patrimonio impiantistico";
-    Abbanoa Spa a novembre 2014 affida, mediante gara pubblica, la gestione di tali servizi con una durata prevista di 3 anni, elevabile per altri 3;
-    il contratto derivante dalla gara d'appalto attualmente vigente ha come scadenza, per i primi 3 anni, il 31 ottobre 2017;

considerato che:
-    per l'espletamento del servizio inerente l'appalto le società di gestione si avvalgono della collaborazione di circa 500 lavoratori diretti;
-    400 unità di tale organico hanno un contratto a tempo indeterminato, in alcuni casi risalenti al 2004;
-    al personale diretto con contratto a tempo indeterminato, dopo vari accordi stipulati controfirmati da Abbanoa, Regione, ATO e sindacati e redatti rispettivamente nel 2005, nel 2007 e nel 2009, veniva garantito un percorso di internalizzazione presso la società Abbanoa;
-    al personale diretto impegnato si aggiungono le maestranze derivanti dall'indotto che orbita intorno alla gestione del sistema di depurazione, che annovera 250 risorse lavorative;

preso atto che:
-    ancora a oggi gli accordi stipulati e controfirmati da Abbanoa, Regione, ATO e sindacati non hanno avuto alcuna attuazione pratica, per cui il percorso di internalizzazione presso Abbanoa non è stata ancora portato a termine;
-    lo stesso personale, in funzione del successivo inquadramento presso Abbanoa, nel 2009 subiva una modifica del contratto collettivo di lavoro con una decurtazione della retribuzione complessiva di circa il 20 per cento;
-    allo stato attuale i lavoratori non hanno cognizione di quale sarà il loro prossimo futuro lavorativo e professionale,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere:
1)    se non ritengano opportuno dare immediata attuazione agli accordi stipulati, con il completamento del percorso di internalizzazione presso la società Abbanoa;
2)    ove non fosse possibile l'immediata attuazione, quali siano i tempi di realizzazione del percorso di internalizzazione;
3)    quali azioni intendano, comunque, intraprendere per il mantenimento di mansioni, contratti e livelli retributivi del personale;
4)    quali azioni intenda intraprendere Abbanoa nella prossima scadenza contrattuale del 31 ottobre 2017, per la salvaguardia dei posti di lavoro, considerato che il risultato del referendum del 2011 non permette la privatizzazione del servizio idrico.

Cagliari, 17 maggio 2017