CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1111/A

LEDDA, con richiesta di risposta scritta, sui motivi del ritardo sul perfezionamento dell'accordo tra la Regione e INVITALIA.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
-    il polo industriale di Ottana, come ormai noto da tempo, si trova in una gravissima condizione di crisi senza speranza di ripresa;
-    il futuro dell'industria è seriamente compromesso in tutto il territorio regionale, ma sopratutto nell'area industriale di Ottana, con gravi ripercussioni in termini occupazionali sia per i dipendenti delle stesse industrie sia per quelli delle piccole e medie imprese operanti nell'indotto;
-    a gravare sull'economia del territorio di Ottana si aggiunge l'assenza della banda larga, carenza che limita di gran lunga le possibilità di comunicazione con il mondo commerciale e produttivo, con il quale intrattiene normali relazioni;
-    da anni chi opera nel settore sopravvive solo con gli ammortizzatori sociali ormai in scadenza;

considerato che:
-    l'unica azienda operante nel polo industriale di Ottana è l'Antica Fornace, che con la produzione di guarnizioni offre occupazione e dignità a diverse persone;
-    tale ditta è disposta ad ampliare l'attività con nuove coperture strutturali di circa 10 mila metri quadri, impiegando ulteriori 50 persone circa, condizione che alleggerirebbe la sofferenza occupazionale;
-    per realizzare tale progetto di circa 40 milioni di euro si dovrebbe perfezionare un accordo tra la Regione e INVITALIA, accordo tra l'altro già in discussione da tempo;

ritenuto che, a oggi, l'unica risorsa nel polo industriale di Ottana in grado di portare economia e occupazione è l'azienda "Antica Fornace",

chiede di interrogare l'Assessore regionale dell'industria e l'Assessore regionale della programmazione, bilancio, credito e assetto del territorio per sapere se non ritengano necessario intraprendere urgentemente tutte le opportune iniziative e  utilizzare tutti gli strumenti istituzionali a disposizione per porre rimedio in tempo utile all'incresciosa situazione e perfezionare l'accordo così da rendere finalmente agibili le domande di finanziamento.

Cagliari, 19 maggio 2017