CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1121/A

DEMONTIS - LOTTO - MANCA Gavino, con richiesta di risposta scritta, in merito alla predisposizione dello schema di decreto legislativo recante norme di coordinamento della disciplina statale con quella regionale in materia di reti metropolitane, ai sensi dell'articolo 8, comma 4, della legge regionale 4 febbraio 2016, n. 2.

***************

I sottoscritti,

premesso che l'articolo 8, comma 4, della legge regionale 4 febbraio 2016, n. 2, ha previsto che la Giunta regionale, entro il termine di trenta giorni dall'entrata in vigore della medesima legge, avrebbe dovuto predisporre uno schema di decreto legislativo recante norme di coordinamento della disciplina statale con quella regionale, in materia di reti metropolitane, da sottoporre all'esame della commissione paritetica di cui all'articolo 56 dello Statuto speciale per la Sardegna, previa acquisizione del parere della commissione consiliare competente in materia;

considerato che tale provvedimento dovrebbe disciplinare, in particolare, i seguenti e importanti aspetti:
-    equiparazione delle reti metropolitane, ai fini dell'assegnazione di risorse statali o europee, alla città metropolitana;
-    esercizio delle funzioni di promozione e di coordinamento dello sviluppo economico e sociale, anche tramite la cura delle relazioni istituzionali con le città e aree metropolitane anche europee;

rilevato che la commissione consiliare competente in materia, a oggi, non ha ancora ricevuto lo schema di decreto legislativo,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale degli enti locali, finanze e urbanistica, al fine di conoscere:
1)    quali siano le motivazioni che, fino a oggi, hanno impedito di dar seguito al disposto di cui all'articolo 8, comma 4, della legge regionale 4 febbraio 2016, n. 2 e quali tempi siano necessari per la predisposizione di questo importante provvedimento;
2)    se non ritengano di dover procedere in analogia allo schema di decreto che si allega alla presente.

Cagliari, 24 maggio 2017
 

.....

Allegato

Schema di decreto legislativo recante norme di attuazione dell'articolo 3 della legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3 (Statuto speciale per la Sardegna)

 

Art. 1
Oggetto

1. Il presente decreto disciplina, ai sensi dell'articolo 56 dello Statuto speciale della Sardegna approvato con legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3 (Statuto speciale per la Sardegna) e dell'articolo 117, secondo comma, lettera p), della Costituzione, e loro successive modificazioni e integrazioni, l'attuazione dell'articolo 3 della Statuto speciale di autonomia come modificato dall'articolo 4 della legge costituzionale 23 settembre 1993, n. 2 (Modifiche ed integrazioni agli statuti speciali per la Valle d'Aosta, per la Sardegna, per il Friuli-Venezia Giulia e per il Trentino-Alto Adige.

 

Art. 2
Competenza in materia di istituzione di città metropolitane e altre forme associative fra enti locali

1. La Regione, ai sensi dell'articolo 3 dello Statuto, ha competenza esclusiva a istituire città metropolitane e forme associative di enti locali in base ai principi di sussidiarietà, di differenziazione e di adeguatezza.
2. Le reti metropolitane istituite dalla legislazione regionale sono equiparate, ai fini dell'assegnazione di risorse statali o europee, alle città metropolitane.
3. La legge statale, nel disporre particolari istituti o interventi a favore degli enti locali, tiene obbligatoriamente conto dell'assetto territoriale determinato dalla legislazione sarda e non introduce elementi discriminatori o escludenti per le reti metropolitane della Sardegna.

 

Art. 3
Funzioni di promozione e coordinamento dello sviluppo economico e assunzione delle funzioni fondamentali delle province da parte delle reti metropolitane sarde

1. Le reti metropolitane esercitano le funzioni di promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale del loro rispettivo territorio anche tramite la cura delle relazioni istituzionali con le città e le aree metropolitane anche europee.

 

Articolo 4
Disposizione finale

1. In tutti i casi in cui la legislazione nazionale si riferisca alle città metropolitane e non specificamente alle reti metropolitane deve intendersi che nel territorio della Sardegna i riferimenti sono equivalenti.