CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1130/A

COCCO Daniele Secondo, con richiesta di risposta scritta, sui ritardi nell'attivazione dei corsi BLSD validi ai fini della formazione e certificazione abilitante all'uso del defibrillatore semiautomatico (DAE) in ambienti extraospedalieri.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
-     con decreto legge del 13 settembre 2012, n. 158, cosiddetto "decreto Balduzzi", il Ministro della salute ha introdotto specifiche disposizioni a tutela della salute dei cittadini che svolgono un'attività  sportiva, inerenti la dotazione e l'utilizzo dei defibrillatori semiautomatici DAE (Defibrillatore automatico esterno) e la disciplina delle certificazioni sportive non agonistiche e amatoriali;
-     in particolare, l'articolo 5, comma 5, del decreto n. 158 del 2012 prevede l'obbligatorietà del DAE e, conseguentemente, la formazione del personale abilitato al suo utilizzo, in tutte le strutture ad alto afflusso di pubblico e in tutte le strutture sportive entro il termine del 20 gennaio 2016;
-     dal giorno della sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale, l'entrata in vigore del decreto Balduzzi per le società sportive dilettantistiche, a seguito delle numerose richieste di chiarimento in ordine all'ambito di applicazione, è stata prorogata per ben quattro volte con l'ultima scadenza prevista per il mese di giugno 2017;

considerato che:
-     il decreto Balduzzi, pur dettando le norme generali, demanda alle regioni il compito di regolamentare la distribuzione degli apparecchi DAE e i criteri per l'accreditamento dei centri di formazione abilitati ad erogare i corsi per gli operatori qualificati;
-     con deliberazione n. 48/28 del 1° dicembre 2011, l'Assessore regionale dell'Igiene e sanità e dell'assistenza sociale ha approvato il "Progetto Regionale DAE" relativo all'acquisizione e distribuzione dei defibrillatori semiautomatici sul territorio della Regione, finanziati con risorse stanziate in apposito fondo nazionale e ha dato mandato allo stesso Assessore di attuare le fasi definite nel piano attraverso l'individuazione di una azienda sanitaria capofila;
-     l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale, con decreto n. 25 del 19 maggio 2016, ha istituito la Commissione regionale per l'abilitazione dei centri/enti di formazione all'erogazione di corsi in tema di Basic life support - Early defibrillation (BLSD) e Pediatrie basic life support - Early defibrillation (PBLSD) ed al rilascio dell'attestazione di autorizzazione all'impiego del defibrillatore automatico esterno (DAE) a personale non sanitario;
-     la commissione, ad oggi, non ha ancora definito i criteri, le modalità operative ed i tempi per l'abilitazione dei centri/enti di formazione all'erogazione dei corsi BLSD-PBLSD ed sull'uso dei DAE e che, pertanto, su tutto il territorio regionale non sono ancora state attivate le attività di formazione ed abilitazione degli operatori del settore sportivo dilettantistico circa il corretto utilizzo dei defibrillatori semiautomatici;
-     la proroga per l'applicazione del decreto Balduzzi è fissata per il 30 giugno 2017, data entro la quale le associazioni e le società sportive dilettantistiche devono dotarsi di un defibrillatore e di personale formato per il suo utilizzo;

ritenuto che:
-     sia assolutamente necessario agevolare l'azione del volontariato sportivo attraverso progetti che prevedano la realizzazione di corsi abilitanti di BLSD (manovre da compiere per intervenire in caso di arresto cardiaco) svolti anche dalle ASSL del territorio;
-     sia indispensabile reperire le risorse necessarie al fine di incentivare la presenza dei defibrillatori semiautomatici negli impianti sportivi e prevedere momenti di formazione destinati ai tesserati delle associazioni sportive dilettantistiche;

valutata:
-     l'efficacia che un tempestivo intervento di pronto soccorso, da parte di soggetti (anche non medici o sanitari) opportunamente istruiti sulle più elementari manovre di rianimazione e sull'utilizzo di un DAE, può svolgere per le persone colpite da arresto cardiocircolatorio;
-     la grave situazione di disagio che si è creata per le società sportive dilettantistiche e per il mondo del volontariato sportivo, per la mancata attivazione dei corsi abilitanti e per l'imminente applicazione del decreto Balduzzi;

visto:
-     il decreto del Ministro della salute del 13 settembre 2012, n. 158 (Disciplina della certificazione dell'attività sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l'utilizzo di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri dispositivi salvavita);
-     il decreto di proroga dell'entrata in vigore del decreto Balduzzi che procrastina la scadenza per adeguarsi alla legge al 30 giugno 2017,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) quali iniziative intendano assumere al fine di garantire una celere attivazione dei corsi BLSD validi per la formazione e certificazione abilitante all'uso del defibrillatore semiautomatico DAE;
2) se ritengano opportuno reperire nell'immediato risorse economiche straordinarie da destinate alle ASSL per la formazione urgente dei tesserati delle associazione sportive dilettantistiche.

Cagliari, 31 maggio 2017