CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1137/A

DERIU - SOLINAS Antonio - TENDAS - MELONI - PISCEDDA - COZZOLINO - COMANDINI - LOTTO - SABATINI - MANCA Gavino - MORICONI - COCCO Pietro - ZANCHETTA - BUSIA - GAIA - COCCO Daniele Secondo - AGUS - CONGIU, con richiesta di risposta scritta, sullo stato di attuazione della legge regionale 20 ottobre 2016, n. 24 (Norme sulla qualità della regolazione e di semplificazione dei procedimenti amministrativi) a seguito e in riferimento alla risposta con prot. n. 298/GAB del 22 febbraio 2017 all' n. 937/A del 16 dicembre 2016.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- in data 20 ottobre 2016 il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato la legge n. 24 dal titolo "Norme sulla qualità della regolazione e di semplificazione dei procedimenti amministrativi";
- il fine della legge regionale n. 24 del 2016 è quello di ridurre i costi e gli oneri amministrativi gravanti sui cittadini e sulle imprese;
- la legge regionale n. 24 del 2016, come definito dall'articolo 1:
- stabilisce le regole generali relative alla programmazione delle attività di semplificazione normativa ed amministrativa;
- individua e disciplina gli strumenti attribuiti alla Giunta regionale per il miglioramento della qualità della regolazione, presupposto necessario per assicurare maggiore trasparenza nella formazione degli atti normativi e per garantire una reale semplificazione dell'ordinamento giuridico regionale;
- stabilisce norme generali sui procedimenti amministrativi in modo da ridurre le fasi procedimentali non necessarie ed i tempi di conclusione dei procedimenti;
- istituisce e disciplina lo Sportello unico per le attività produttive e per l'attività edilizia (SUAPE), in modo da attribuire ad un ufficio unico sia le competenze esercitate dallo sportello unico per le attività produttive (SUAP) sia le competenze relative all'edilizia privata;
- stabilisce le misure di semplificazione per le procedure amministrative settoriali più onerose per i cittadini e le imprese;
- in data 16 dicembre 2016 è stata presentata l'interrogazione n. 937/A a cui seguiva la risposta con prot. n.298/GAB del 22 febbraio 2016;
- nella risposta con prot. n.298/GAB del 22 febbraio 2016 si rammenta che "la semplificazione normativa e amministrativa è un obiettivo fondante di questa legislatura, contenuto nei documenti programmatici della coalizione di governo fin dalla campagna elettorale"; che "l'eccesso di appesantimenti burocratici produce stratificazioni normative non facilmente districabili, che si calano pesantemente nelle incombenze amministrative"; che "la piena operatività della legge (la legge regionale n. 24) è subordinata ad una serie di adempimenti di carattere amministrativo ed organizzativo facenti capo a differenti strutture dell'Amministrazione regionale"; 

considerato che nella risposta con prot. n. 298/GAB del 22 febbraio 2016 in merito alla legge regionale n. 24 del 2016:
- per il comma 1 dell'articolo 2 "Legge regionale annuale di semplificazione" è in oggetto l'approvazione di un disegno di legge di semplificazione normativa ed amministrativa con termine annuale, entro il mese di settembre;
- per il comma 2 dell'articolo 4 "Disegno di legge per la riduzione del numero delle leggi" e per il comma 4 dell'articolo 7 "Predisposizione e presentazione di appositi disegni di legge contenenti testi unici" si afferma che "l'Assessore affari generali, personale e riforma della Regione intende finanziare la preliminare istruttoria sulla sopravvenuta inefficacia delle leggi regionali tra il 1970 e il 1990 e lo studio di fattibilità dei testi unici compilativi nelle materie di competenza legislativa regionale"; per l' articolo 4 è in oggetto annualmente l'approvazione di un disegno di legge recante la riduzione del numero delle leggi;
- per l'articolo 5 "Chiarezza del testo e tecnica legislativa" è in oggetto l'eventuale approvazione degli atti amministrativi e/o organizzativi (es. linee guida) in materia di chiarezza dei testi normativi, con termine di 6 mesi dall'entrata in vigore della legge, 11 maggio 2017;
- per il comma 3 dell'articolo 6 "Sviluppo delle politiche di genere e revisione del linguaggio amministrativo" si afferma che "è in atto l'avvio di una collaborazione con l'Università degli studi di Cagliari per la predisposizione delle linee guida che dovranno essere applicate sia all'interno degli spazi editoriali del sito istituzionale che nella redazione degli atti, provvedimenti e comunicazioni del Sistema Regione" (termine: entro 6 mesi dall'entrata in vigore della legge, 11 maggio 2017);
- per l'articolo 8 "Analisi tecnico normativa" è in oggetto un'eventuale approvazione degli atti amministrativi e/o organizzativi in materia di ATN, con termine di 6 mesi dall'entrata in vigore della legge, 11 maggio 2017;
- per l'articolo 9 "Analisi di impatto della regolazione" è in oggetto un'eventuale approvazione di un atto amministrativo e/o organizzativo in materia di AIR, con termine di 6 mesi dall'entrata in vigore della legge, 11 maggio 2017;
- per il comma 3 dell'articolo 9 "Analisi di impatto della regolazione" è in oggetto l'individuazione delle tipologie di atti da sottoporre ad AIR, con cadenza periodica;
- per l'articolo 10 "Principio della priorità digitale (Digital First)" è in oggetto l'approvazione di un atto amministrativo (linee guida) sulle modalità di predisposizione della relazione relativa al Digital First, con termine di 6 mesi dall'entrata in vigore della legge, 11 maggio 2017;
- per il comma 1 dell'articolo 11 " Pubblicazione in formato aperto (Open Data)" è in oggetto l'approvazione delle misure organizzative concernenti la pubblicazione coordinata delle leggi regionali, con termine di 6 mesi dall'entrata in vigore della legge, 11 maggio 2017;
- per il comma 3 dell'articolo 11 " Pubblicazione in formato aperto (Open Data)" si afferma che "la Regione attraverso il coordinamento tecnico della Direzione generale degli Affari Generali e della società dell'informazione sta dando attuazione alle iniziative previste nelle Linee Guida sull'Open Data per la Regione Sardegna (...) sia attraverso corsi di formazione dedicati, sia rendendo progressivamente disponibili (...) i dati attraverso il portale opendata.regione.sardegna.it."; per il presente comma è in oggetto l'uniformizzazione del sito web della Regione ai criteri del formato aperto (Open Data), con termine di 12 mesi dall'entrata in vigore della legge, 11 maggio 2017;
- per l'articolo 12 "Obbligo della relazione tecnica sulla quantificazione degli oneri finanziari" è in oggetto l'approvazione di un atto amministrativo (linee guida) sulle modalità di predisposizione della relazione relativa alla quantificazione degli oneri finanziari, con termine di 6 mesi dall'entrata in vigore della legge, 11 maggio 2017;
- per il comma 3 dell'articolo 13 "Azioni e obiettivi della semplificazione amministrativa" si afferma che "la Regione (...) ha programmato e avviato diversi interventi a sostegno dell'adeguamento degli strumenti digitali (...), dematerializzazione (...), e nell'ambito del POR Sardegna FSE 2014-2020 formazione e aggiornamento del personale"; per il presente comma è in oggetto la partecipazione della Regione, anche economica, all'adeguamento degli strumenti digitali degli enti locali, alla riorganizzazione e dematerializzazione dei loro archivi e alla formazione e aggiornamento del personale (non è presente un termine);
- per l'articolo 14 "Programma di riduzione e misurazione degli oneri amministrativi" è in oggetto un'eventuale approvazione di un atto amministrativo (linee guida) sulle modalità di predisposizione dell'elenco degli oneri amministrativi (non è presente un termine);
- per il comma 2 dell'articolo 15 "Termini dei procedimenti amministrativi" si afferma che "la Direzione Generale per la Comunicazione (...) sta procedendo ad attivare la ricognizione sulla corretta indicazione dei tempi dei procedimenti pubblicati nelle schede informative della Sezione "Come fare per" del sito istituzionale della Regione"; per il presente comma è in oggetto una deliberazione volta ad individuare i procedimenti amministrativi il cui termine finale è diverso da trenta giorni, con termine di 180 giorni dall'entrata in vigore della legge, 10 maggio 2017, prorogabile per ulteriori 120 giorni, 7 settembre 2017;
- per il comma 2 dell'articolo 18 "Riduzione dei termini per le imprese certificate" si afferma che "si sta procedendo all'individuazione delle modalità di attuazione e dei limiti che confluiranno in una imminente D.G.R. che la Direzione Generale dell'Industria sta predisponendo in raccordo con la Direzione Generale per la Comunicazione"; per il presente comma è per l'appunto in oggetto una deliberazione per individuare condizioni, modalità e limiti, con termine di 90 giorni dall'entrata in vigore della legge, 9 febbraio 2017;
- per l'articolo 19 "Violazione dei termini procedimentali e responsabilità" è in oggetto un'eventuale approvazione di un atto amministrativo (es. linee guida) sulle modalità di attuazione della norma (non è previsto un termine);
- per il comma 3 dell'articolo 20 "Rapporto sul raggiungimento degli obiettivi strategici raggiunti dai dirigenti" è in oggetto una deliberazione per adottare le misure applicative della norma (non è previsto un termine);
- per il comma 5 dell'articolo 21 "Responsabile della correttezza e della celerità dei procedimenti" è in oggetto la pubblicazione nel sito web della Regione, del responsabile della correttezza e della celerità per ciascun procedimento (non è previsto un termine);
- per il comma 11 dell'articolo 21 "Responsabile della correttezza e della celerità dei procedimenti" è in oggetto una relazione sui procedimenti per i quali è stato esercitato il potere sostitutivo, con termine del 31 gennaio di ogni anno;
- per l'articolo 22 "Indennizzo e danno da ritardo" è in oggetto la predisposizione di un disegno di legge volto a quantificare gli oneri e la copertura finanziaria (non è previsto un termine); per il comma 7 dello stesso articolo 22 è invece in oggetto una deliberazione volta a rimodulare, confermare o sospendere l'efficacia della norma, con termine di 18 mesi dalla data di entrata in vigore della legge;
- per il comma 2 dell'articolo 23 "Obbligo di astensione per conflitto di interessi" è in oggetto una deliberazione volta a individuare i criteri attuativi della disposizione (non è previsto un termine);
- per il comma 3 dell'articolo 26 "Conferenza di servizi in via telematica" si afferma che "la Regione, attraverso il Sistema Sardegna SUAP, ha fornito gratuitamente a tutti i Comuni accreditati nella piattaforma, una infrastruttura che consente lo svolgimento delle conferenze di servizi in modalità telematica (...), lo scambio di documenti tecnici e la gestione di tutte le fasi anche da dispositivi mobili"; per il presente comma sono infatti in oggetto attività di promozione e supporto della Regione, presso gli enti locali, per lo svolgimento delle conferenze di servizi con modalità tecnologicamente avanzate (non è previsto un termine);
- per il comma 4 dell'articolo 29 "Sportello unico per le attività produttive e per l'attività edilizia - SUAPE" si afferma che "la Direzione Generale dell'Industria ha predisposto (...) una bozza di Direttive sul procedimento unico SUAPE, sui relativi controlli e una tabella sui regimi amministrativi dei singoli endoprocedimenti (...). Le parti relative alla disciplina di settore sono state sviluppate in appositi incontri bilaterali con gli enti competenti (...). La bozza delle direttive è stata inviata successivamente a tutti i soggetti coinvolti nel procedimento unico."; si afferma inoltre che "le direttive sono ormai in forma avanzata di definizione e concertazione e pertanto saranno sottoposte alla Giunta Regionale per l'approvazione prima della scadenza del termine di legge"; per il seguente comma è in oggetto infatti la predisposizione delle direttive in materia di SUAPE, con termine di 120 giorni dall'entrata in vigore della legge, 11 marzo 2017;
- per il comma 1 e il comma 4 dell'articolo 30 "Progetti speciali" si afferma che "le Direzioni competenti sono impegnate al rispetto del disposto di legge entro i tempi previsti per l'elaborazione di un piano per l'evasione delle pratiche edilizie"; per il raggiungimento dell'obiettivo è prevista una periodicità annuale;
- per il comma 2 dell'articolo 43 "Agenzie per le imprese" si afferma che "la Direzione dell'Industria ha avviato il dialogo con il Dipartimento della Funzione Pubblica circa le modalità di accreditamento delle Agenzie per le Imprese. Si è convenuto di procedere congiuntamente al momento dell'arrivo delle prime richieste di accreditamento."; per il presente comma è in oggetto una deliberazione contenente la disciplina di dettaglio per il recepimento della normativa statale in materia di Agenzie per l'impresa (non è previsto un termine);
- per il comma 3 dell'articolo 44 "Ufficio regionale SUAPE" si afferma che "la Regione ha avviato diversi interventi di informazione e sensibilizzazione nei confronti dei Comuni e degli Enti Locali (...) nel corso del 2017 sono in programma attività di formazione rivolte a tutti gli operatori SUAPE e ai professionisti"; per il presente comma è in oggetto l'attivazione degli sportelli SUAPE negli enti locali (non è previsto un termine);
- per l'articolo 48 "Denuncia per le opere di conglomerato cementizio armato" è in oggetto l'approvazione delle disposizioni applicative all'interno delle direttive in materia di SUAPE ex articolo 29, comma 4, con termine di 120 giorni dall'entrata in vigore della legge, 11 marzo 2017;
- per l'articolo 49 "Autorizzazione per la cessione in proprietà ai soci di cooperative a proprietà indivisa" è in oggetto l'approvazione di direttive applicative, con termine di 90 giorni dall'entrata in vigore della legge, 9 febbraio 2017;
- per il comma 7 dell'articolo 50 "Autorizzazioni" è in oggetto una deliberazione per determinare le modalità e le procedure per la verifica della permanenza dei requisiti per lo svolgimento delle attività di noleggio autobus con conducente (non è previsto un termine);
- per il comma 1 dell'articolo 53 "Classificazione alberghi, attribuzione della denominazione lusso e abrogazioni" è in oggetto una deliberazione della Giunta regionale per approvare le tabelle aggiornate dei requisiti e dei punteggi necessari per la classificazione delle strutture ricettive alberghiere, all'aria aperta ed extra-alberghiere (non è previsto un termine);
- per il comma 1 dell'articolo 56 "Marina resort" sono in oggetto direttive per autorizzazione classificazione come strutture ricettive all'aria aperta delle installazioni organizzate per sosta e pernottamento dei diportisti a bordo delle proprie unità (non è previsto un termine),

chiedono di interrogare il Presidente della Regione, per conoscere quale sia attualmente lo stato di attuazione della legge regionale n. 24 del 2016, anche in seguito e riferimento alla risposta con prot. n.298/GAB del 22 febbraio 2017 all'interrogazione n. 937/A del 16 dicembre 2016. In particolare quale sia il preciso stato attuale dei procedimenti indicati:
1) al comma 1 dell'articolo 2 sull'approvazione di un disegno di legge di semplificazione normativa ed amministrativa, con termine previsto il mese di settembre;
2) al comma 2 dell'articolo 4 sull'approvazione di un disegno di legge recante la riduzione del numero delle leggi;
3) all'articolo 5 sull'eventuale approvazione di atti amministrativi e/o organizzativi (es. linee guida) in materia di chiarezza dei testi normativi, con termine previsto l'11 maggio 2017;
4) al comma 3 dell'articolo 6 sullo sviluppo di politiche di genere e revisione del linguaggio amministrativo, con termine previsto l'11 maggio 2017;
5) al comma 4 dell'articolo 7 sulla predisposizione e presentazione di appositi disegni di legge contenenti testi unici;
6) all'articolo 8 su un'eventuale approvazione di atti amministrativi e/o organizzativi in materia di ATN, con termine previsto l'11 maggio 2017;
7) all'articolo 9 su un'eventuale approvazione di un atto amministrativo e/o organizzativo in materia di AIR, con termine previsto l'11 maggio 2017;
8)     al comma 3 dell'articolo 9 sull'individuazione delle tipologie di atti da sottoporre ad AIR, con cadenza periodica;
9) all'articolo 10 sull'approvazione di un atto amministrativo (linee guida) sulle modalità di predisposizione della relazione relativa al Digital First, con termine previsto l'11 maggio 2017;
10) ai commi 1 e 3 dell'articolo 11 sull'approvazione delle misure organizzative concernenti la pubblicazione coordinata delle leggi regionali e sull'uniformizzazione del sito web della Regione ai criteri del formato aperto (Open Data), con termine previsto l'11 maggio 2017;
11) all'articolo 12 sulle modalità di predisposizione della relazione relativa alla quantificazione degli oneri finanziari, con termine previsto l'11 maggio 2017;
12) al comma 3 dell'articolo 13 sulla partecipazione della Regione, anche economica, all'adeguamento degli strumenti digitali degli enti locali, alla riorganizzazione e de materializzazione dei loro archivi e alla formazione e aggiornamento del personale;
13) all'articolo 14 su un'eventuale approvazione di un atto amministrativo (linee guida) sulle modalità di predisposizione dell'elenco degli oneri amministrativi;
14) al comma 2 dell'articolo 15 su una deliberazione volta ad individuare i procedimenti amministrativi il cui termine finale è diverso da trenta giorni, da predisporre entro il 10 maggio 2017, prorogabile per ulteriori 120 giorni, 7 settembre 2017;
15) al comma 2 dell'articolo 18 su una deliberazione per individuare condizioni, modalità e limiti rispetto alla riduzione dei termini per le imprese certificate, con termine previsto il 9 febbraio 2017;
16) all'articolo 19 sull'approvazione di un atto amministrativo (es. linee guida) sulla violazione dei termini procedimentali e responsabilità;
17) al comma 3 dell'articolo 20 su una deliberazione per adottare le misure applicative in merito al rapporto sul raggiungimento degli obiettivi strategici raggiunti dai dirigenti;
18) ai commi 5 e 11 dell'articolo 21 sulla pubblicazione nel sito web della Regione del responsabile della correttezza e della celerità per ciascun procedimento e sulla predisposizione di una relazione sui procedimenti per i quali è stato esercitato il potere sostitutivo, con termine previsto il 31 gennaio di ogni anno;
19) all'articolo 22 sulla predisposizione di un disegno di legge volto a quantificare gli oneri e la copertura finanziaria sull'indennizzo e danno da ritardo;
20) al comma 7 dell'articolo 22 su una deliberazione volta a rimodulare, confermare o sospendere l'efficacia della norma sull'indennizzo e danno da ritardo, con termine previsto di 18 mesi dalla data di entrata in vigore della legge;
21) al comma 2 dell'articolo 23 su una deliberazione volta a individuare i criteri attuativi sull'obbligo di astensione per conflitto di interessi;
22) al comma 3 dell'articolo 26 sull'attività di promozione e supporto della Regione, presso gli enti locali, per lo svolgimento delle conferenze di servizi con modalità tecnologicamente avanzate;
23) al comma 4 dell'articolo 29 sulla predisposizione delle direttive in materia di SUAPE, con termine previsto l'11 maggio 2017;
24) ai commi 1 e 4 dell'articolo 30 sui progetti speciali, con periodicità annuale;
25) al comma 2 dell'articolo 43 su una deliberazione contenente la disciplina di dettaglio per il recepimento della normativa statale in materia di Agenzie per l'impresa;
26) al comma 3 dell'articolo 44 sull'attivazione degli sportelli SUAPE negli enti locali;
27) all'articolo 48 sull'approvazione delle disposizioni applicative all'interno delle direttive in materia di SUAPE ex articolo 29, comma 4, con termine previsto l'11 marzo 2017;
28) all'articolo 49 sull'approvazione di direttive applicative in merito all'autorizzazione per la cessione in proprietà ai soci di cooperative a proprietà indivisa, con termine previsto il 9 febbraio 2017;
30) al comma 7 dell'articolo 50 su una deliberazione per determinare le modalità e le procedure per la verifica della permanenza dei requisiti per lo svolgimento delle attività di noleggio autobus con conducente;
31) al comma 1 dell'articolo 53 su una deliberazione della Giunta regionale per approvare le tabelle aggiornate dei requisiti e dei punteggi necessari per la classificazione delle strutture ricettive alberghiere, all'aria aperta ed extra-alberghiere;
32) al comma 1 dell'articolo 56 sulle direttive per autorizzazione e classificazione come strutture ricettive all'aria aperta delle installazioni organizzate per sosta e pernottamento dei diportisti a bordo delle proprie unità.

Cagliari, 7 giugno 2017