CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1164/A

COSSA - DEDONI - CRISPONI, con richiesta di risposta scritta, sui ritardi nei lavori di completamento del porto di Cannigione nel comune di Arzachena.

***************

 

I sottoscritti,

premesso che da oltre 15 anni la Regione ha appaltato i lavori di completamento del porto turistico di Cannigione nel comune di Arzachena;

considerato che, a seguito delle proroghe e delle sospensioni, i lavori avrebbero già dovuto essere conclusi da anni, ponendo fine, così, ai gravi disagi degli utenti diportisti e della popolazione residente;

tenuto conto che, invece, i lavori sono stati interrotti da diversi anni senza alcuna spiegazione e che tutto il piazzale e le aree demaniali si trovano in uno stato di abbandono, che determina una pessima immagine per la località turistica di Cannigione, la quale rappresenta uno dei pochi porti integrati con il tessuto cittadino ed è frequentato per tutto l'arco dell'anno;

valutato che il diporto nautico e la portualità turistica rappresentano una delle attività economiche che creano maggiore indotto sulle altre attività economiche a terra;

ritenuto che l'interruzione dei lavori sta comportando gravi danni economici e di immagine per la località costiera e per tutta la Gallura;

appreso che già nel 2008 si erano verificati i primi problemi con l'impresa appaltatrice e i lavori erano ripresi nel 2013 per essere poi immediatamente sospesi sino a oggi;

visto che regna un degrado inconcepibile e che sono urgenti interventi di ristrutturazione dovuti all'incuria e all'abbandono dei lavori per troppi anni,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere:
1) se siano a conoscenza di quanto esposto e, in particolare, dei danni economici conseguenti al fatto che l'opera pubblica, finanziata già dal 1998, non sia stata completata e quindi messa a disposizione dei diportisti, soprattutto degli utenti dei maxi yacht, che avrebbero creato un'economia indotta importante, nonché ai danni d'immagine per la città e per tutta l'isola;
2) se non ritengano opportuno, per dare speditezza al progetto di completamento, trasferire immediatamente al Comune di Arzachena, come soggetto attuatore, le risorse finanziarie messe a disposizione dalla deliberazione della Giunta regionale n. 30/15 del 20 giugno 2017, pari a euro 750.000;
3) se ritengano che tale stanziamento sia sufficiente per portare a compimento le opere e il consolidamento o se non sia necessario incrementarlo per il completamento della torre di controllo, degli impianti e la messa in sicurezza del molo sopraflutto e il rifacimento delle celle anti-risacca, le opere di arredo e la finitura della struttura.

Cagliari, 29 giugno 2017