CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1199/A

MORICONI, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata vigilanza presso gli scali aeroportuali ai fini di contrastare il reiterarsi degli episodi di sottrazione di sabbia dalle spiagge sarde.

***************

Il sottoscritto,

viste:
- l'interrogazione n. 743/A del 17 maggio 2016 con la quale si denunciava il deprecabile verificarsi, durante la stagione estiva, dei furti di sabbia dalle spiagge della Sardegna da parte dei turisti; nella stessa si rilevava che dai dati registrati nel solo 2015 presso lo scalo aeroportuale di Elmas risultavano sottratte oltre 5 tonnellate di sabbia;
- l'interrogazione n. 1129/A del 30 maggio 2017 con la quale denunciava il reiterarsi, anche per la stagione in corso, del deprecabile fenomeno dei furti di sabbia da parte dei turisti e si chiedeva se la Regione avesse dato disposizioni per contrastare tale fenomeno;

atteso che:
- all'interrogante non risulta che presso gli scali dell'Isola il Corpo forestale e di vigilanza ambientale regionale sia impegnato nell'attività di contrasto del fenomeno, così come già messa in campo nel 2016, lasciando che prosegua del tutto indisturbato ed emerga sporadicamente solo per effetto di un'azione di controllo e vigilanza casuale effettuata da altri organismi di polizia;
- l'intensità e la recidività dei furti di sabbia è tale che se non si dovesse intervenire con la necessaria fermezza, adottando tutte le opportune misure di prevenzione e repressione, in pochi anni molte spiagge suggestive potrebbero subire ingenti danni ambientali con ricadute disastrose per un bene non rinnovabile e fonte di strategica importanza per lo sviluppo economico,

chiede di interrogare l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente per sapere se il fatto segnalato corrisponda al vero e, nel caso, quali siano le ragioni per le quali non sono state adottate nella stagione turistica in corso le misure di vigilanza e contrasto ai furti di sabbia attraverso i controlli del Corpo forestale e di vigilanza ambientale regionale presso tutti gli scali aeroportuali della Sardegna e come si intenda porvi rimedio.

Cagliari, 27 luglio 2017