CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1223/A

COLLU, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione attuale dei famigerati lavori che interessarono la strada statale n. 131 nel tratto Sanluri - Sardara, gia' oggetto d'indagine.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- anni addietro, durante i lavori di ricostruzione della strada statale n. 131, tratto Sanluri - Sardara, nella realizzazione della stessa erano stati utilizzati dalle ditte appaltanti materiali inerti provenienti dalla miniera ubicata in territorio di Furtei - Santu Miali, ceduti dalla Sardinia Gold Mining, titolare di concessione per l'estrazione dell'oro;
- la magistratura aveva avviato delle indagini riscontrando nella realizzazione dei lavori probabili violazioni di natura penale;

viste le attuali condizioni delle strutture cementizie, dove appare evidente il degrado della struttura metallica che presenta segni di usura precoce, pare causati dalle sostanze (in prevalenza cadmio, mercurio e arsenico) contenute negli inerti provenienti dalla miniera di Furtei, utilizzati nella realizzazione delle opere, e che in alcuni tratti di terreno adiacenti le opere realizzate, oramai, parrebbe non crescere più nessun tipo di vegetazione;

viste le riproposizioni della vicenda apparse recentemente in alcuni organi d'informazione,

chiede di interrogare l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente:
1) per conoscere la reale situazione attuale dal punto di vista di eventuali danni all'ambiente e la situazione in merito alle indagini svolte dalla magistratura;
2) per sapere se la situazione sia monitorata dalle istituzioni preposte al controllo e se il liquido che fuoriesce possa essere potenzialmente pericoloso per le falde acquifere superficiali e l'incolumità della salute pubblica.

Cagliari, 28 agosto 2017