CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1237/A

COLLU - COCCO Pietro - TENDAS - DERIU - PINNA Rossella - LOTTO - COMANDINI - DEMONTIS - PISCEDDA, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata riapertura delle stazioni delle Ferrovie dello Stato di Sanluri (località Sanluri Stato) e di Pabillonis.

***************

I sottoscritti,

premesso che tutti i cittadini hanno diritto al pari trattamento e al raggiungimento della diffusione massima dei servizi possibili nel territorio.

considerato che nel 2014 in Sardegna le Ferrovie dello Stato (FS) chiudevano diverse stazioni ferroviarie fra le quali Sanluri (poco tempo prima ristrutturata con una spesa di circa 500.000 euro) e Pabillonis con giustificazione della impossibilità alla tenuta delle stesse in funzione;

vista la rilevanza che tali stazioni hanno nel territorio del Medio Campidano, territorio maggiormente colpito dal fenomeno dello spopolamento e con il reddito procapite più basso della Sardegna,

visto che:
- questa scelta contribuisce alla accelerazione degli indici socio-economici negativi;
- la comunità di Sanluri Stato dal momento della chiusura della stazione è totalmente isolata e i cittadini privati dei livelli minimi di diritto al trasporto;

vista la notizia sicuramente positiva apparsa sui quotidiani sardi del 7 settembre 2017 che hanno annunciato la riapertura della stazione di Giave (SS), che si trova lungo la strada statale n. 131 a dimostrazione che la decisione è stata rivista;

considerato che:
- la stazione di Sanluri Stato è l'unico punto di riferimento dei traffico su rotaia di tutta l'Unione dei comuni della Marmilla che comprende oltre Sanluri i Comuni di Barumini - Gesturi - Tuili - Las Plassas - Villamar - Lunamatrona - Segariu - Furtei - Siddi - Pauli Arbarei - Ussaramanna - Turri - Setzu - Genuri - Villanovafranca - Collinas - Villanovaforru, notoriamente comuni fra i più disagiati in Sardegna dal punto di vista economico, dei trasporti e dello spopolamento;
- l'Unione dei comuni, dove si trova l'unico sito UNESCO della Sardegna, Su Nuraxi di Barumini, con circa 1.000.000 di presenze l'anno, è un luogo ove non è possibile recarsi in giornata da Cagliari con i mezzi pubblici su gomma, fortemente penalizzante per i turisti non automuniti che alloggiano a Cagliari e che vorrebbero visitare Su Nuraxi o la Giara di Gesturi, Tuili e Setzu;
- la stazione di Pabillonis si trova a soli 3,9 km da S. Maria Acquas, il maggior polo termale della Sardegna che conta circa 36.000 pernottamenti annui, che si trova senza collegamenti, ma che con una semplice navetta potrebbe collegarsi alla stazione e quindi al resto dell'Isola incentivando le presenze,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dei trasporti per sapere se siano state avviate e a che punto siano le procedure per la riapertura delle stazioni ferroviarie del Medio Campidano, Sanluri Stato e Pabillonis.

Cagliari, 12 settembre 2017