CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1238/A

COMANDINI - MANCA Gavino - TENDAS - SOLINAS Antonio - COZZOLINO - DERIU - LOTTO - COLLU - DEMONTIS - COCCO Pietro - PISCEDDA - MORICONI, con richiesta di risposta scritta, sulla sospensione del servizio veterinario ARAS.

***************

 

I sottoscritti,

premesso che:

- l'Associazione regionale allevatori della Sardegna (ARAS) opera nel quadro della politica generale e delle direttive organizzative dell'AIA, in armonia con la programmazione agricola regionale e con gli indirizzi delle associazioni nazionali per specie e razze di bestiame e settori di attività;
- l'ARAS gestisce il Piano operativo di assistenza tecnica (POAT) su incarico dell'Agenzia LAORE Sardegna. L'assistenza tecnica è fornita agli allevamenti di bovini da latte, bovini da carne, ovini e caprini da latte e suini. I 241 tecnici ai quali è affidato il compito di svolgere l'assistenza tecnica sono zootecnici (agronomi) e veterinari qualificati con corsi di specializzazione
- l'ARAS svolge funzione di coordinamento tecnico delle attività di selezione delle quattro Associazioni provinciali allevatori (APA) della Sardegna che gestiscono i Controlli funzionali e i Libri genealogici delle razze in purezza. Inoltre, su incarico della Regione, in concerto con le APA, gestisce il Programma regionale di identificazione elettronica degli animali iscritti ai Libri genealogici;
- negli ultimi anni, anche grazie al supporto dell'attività dei professionisti dell'ARAS, il comparto dell'allevamento in Sardegna ha subito numerose trasformazioni che gli ha conferito caratteristiche strutturali e organizzative altamente competitive;

constatato che, come riportato dagli organi di stampa, l'agenzia LAORE ha sospeso l'assistenza tecnica di agronomi e veterinari in azienda, in campo alimentare, assistenza agronomica, e assistenza veterinaria completa agli allevatori, servizio che per anni ha dimostrato di essere funzionale e rispondente alle esigenze degli allevatori e dell'intero sistema;

sottolineata la competenza e professionalità che i veterinari dell'ARAS hanno sempre dimostrato, instaurando con gli allevatori un rapporto diretto, pratico e di fiducia garantendo la miglior assistenza per affrontare e risolvere le tante problematiche del settore;

evidenziato che:
- sono stati trovati in alcuni allevamenti di Sinnai e Quartu Sant'Elena nuovi focolai di blue tongue, malattia per la quale i veterinari danno informazioni epidemiologiche alle aziende sanitarie;
- per scongiurare una nuova epidemia è di fondamentale importanza affidarsi alla competenza e professionalità dei professionisti ARAS, profondi conoscitori dei nostri allevamenti,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale per sapere:
1) se siano a conoscenza della grave situazione e dei disagi ai quali vanno incontro con la sospensione del servizio le aziende del settore pastorale sardo;
2) se non si ritenga opportuno e necessario intervenire, nel più breve tempo possibile, ripristinare il servizio ridando le competenze all'ARAS, soprattutto in questo periodo in cui gli allevatori preparano gli animali per la nuova annata anche dal punto di vista sanitario.

Cagliari, 13 settembre 2017