CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1242/A

SOLINAS Christian, con richiesta di risposta scritta, sui requisiti, i criteri di selezione e la pubblicità adottati per la formazione del programma di spesa per la concessione di finanziamenti per il restauro e il consolidamento di edifici di culto e di chiese di particolare interesse storico e artistico, di cui all'articolo 2, comma 18, della legge regionale 13 aprile 2017, n. 5.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- l'articolo 2, comma 18, della legge regionale 13 aprile 2017, n. 5, (legge di stabilità 2017) ha autorizzato, per l'anno 2017, " la spesa di euro 1.000.000 a favore dei comuni, per il restauro e il consolidamento di edifici di culto e di chiese di particolare interesse storico e artistico ", stabilendo, altresì, che "con deliberazione della Giunta regionale, adottata su proposta dell'Assessore competente in materia di lavori pubblici, è approvato il relativo programma di interventi ";
- per le finalità previste dall'articolo 2, comma 18, della legge regionale n. 5 del 2017, è stata autorizzata, ai sensi dell'articolo 1, comma 12, della legge regionale 3 agosto 2017, n. 18, l'ulteriore spesa di euro 3.000.000, per l'annualità 2017;
- con deliberazione n. 41/2 del 7 settembre 2017, la Giunta regionale ha approvato "la ripartizione dello stanziamento di euro 4.000.000 relativo all'esercizio 2017 del bilancio regionale, a favore dei Comuni per il restauro e il consolidamento di edifici di culto e di chiese di particolare interesse storico e artistico, secondo quanto rappresentato nella tabella che viene allegata alla presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale e sulla base dei criteri esposti nelle premesse";
- nelle premesse della deliberazione della Giunta regionale n. 41/2 del 7 settembre 2017 si prende genericamente atto di come " all'Assessorato dei lavori pubblici sono pervenute, da parte dei comuni, diverse istanze di finanziamento per il consolidamento e la messa in sicurezza di edifici di culto", mentre "l'Assessore rileva che la struttura tecnica ha verificato che, tra le richieste pervenute, 40 risultano avere i requisiti previsti nel programma di spesa in oggetto";
- non è dato sapere quali siano stati i "requisiti previsti nel programma di spesa in oggetto", sulla base dei quali la struttura tecnica abbia compiuto un'istruttoria per verificarne la sussistenza in capo alle 40 richieste ritenute ammissibili;
- non risulterebbe pubblicato alcun bando o avviso che abbia preventivamente dato evidenza pubblica e, dunque, pari opportunità agli enti interessati a proporre istanze a valere sul programma di spesa de quo,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dei lavori pubblici al fine di conoscere:
1) se corrisponda al vero che non sia stato pubblicato alcun bando o avviso o, comunque, non sia stata data alcuna evidenza pubblica preventiva, per la presentazione di istanze di finanziamento da parte degli enti interessati per il restauro e il consolidamento di edifici di culto e di chiese di particolare interesse storico e artistico;
2) se corrisponda al vero che non siano stati individuati ex ante i criteri di valutazione delle istanze presentate;
3) a quale titolo gli enti ammessi abbiano presentato istanza di finanziamento e in quali date, quante siano state complessivamente le domande di finanziamento e quali siano stati i criteri di valutazione per selezionare le 40 ammesse;
4) se ritenga le procedure adottate per la formazione del programma di spesa in argomento conformi alle vigenti normative e comunque coerenti alle buone prassi in materia di opere pubbliche e/o di pubblico interesse con particolare riferimento agli obblighi di trasparenza e di evidenza pubblica dei procedimenti di ripartizione delle risorse regionali.

Cagliari, 19 settembre 2017