CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1253/A

MELONI, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione di criticità finanziaria dei lavori di collegamento alla Abbasanta-Buddusò-Olbia della strada statale n. 389, tratto Alà dei Sardi-bivio Padru - IV lotto - 2° stralcio e sul cronoprogramma delle attività relative alla riqualificazione della strada provinciale 24.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- come noto la strada Abbasanta-Olbia rappresenta uno dei principali assi viari della Sardegna; consente, infatti, di collegare i porti di Olbia e Golfo Aranci, nonché l'aeroporto Costa Smeralda, con Goceano e Monte Acuto in tempi compatibili con l'era in cui viviamo; ciononostante, la strada in argomento è, di fatto, una delle incompiute della nostra Regione; l'itinerario originario prevedeva una strada a scorrimento veloce che, a partire dalla strada statale n. 131 all'altezza del km 135, in prossimità del comune di Borore, lambendo numerosi comuni del Goceano, del Monte Acuto e della Gallura stessa, arrivava sino ad Olbia; i lavori di realizzazione, iniziati alla fine degli anni settanta del secolo scorso, hanno avuto un andamento piuttosto irregolare e, a tutt'oggi, gli obiettivi a suo tempo posti non sono stati raggiunti; la strada, infatti, termina tristemente poco oltre il comune di Alà dei Sardi, a circa 45 km dalla meta;
- anche a voler momentaneamente tralasciare le considerazioni sullo stato in cui versano lunghi tratti del tracciato esistente, ormai praticamente impercorribile, risulta che una parte di circa 2,4 km., del tratto Alà dei Sardi-bivio Padru, primo stralcio del quarto lotto, del valore complessivo di circa 15,5 milioni di euro (finanziato in parte con fondi della provincia e in parte con fondi regionali), sia stato aggiudicato a metà dell'anno scorso e i relativi lavori iniziati da qualche mese;
- con riferimento al secondo stralcio del medesimo quarto lotto, determinante in quanto consente di raggiungere più agevolmente la strada provinciale n. 24 e, attraverso quest'ultima strada, la città di Olbia e le coste galluresi, la Provincia di Olbia Tempio aveva destinato negli anni scorsi risorse finanziarie per complessivi circa 14 milioni di euro; dette risorse finanziarie, tuttavia, pare non possano essere utilizzate per le finalità cui sono destinate, in quanto risulterebbero contabilmente quali "avanzo di amministrazione vincolato";
- relativamente alla strada provinciale n. 24 (percorso anch'esso tortuoso e pericoloso), è stato a suo tempo previsto un finanziamento per la sua riqualificazione pari a 9,8 milioni di euro, a valere sulle risorse della delibera CIPE n. 3/2006, successivamente rimodulato a valere sulla delibera CIPE n. 84/2000;
- il rapido collegamento con le maggiori infrastrutture di trasporto da e verso la penisola e l'abbattimento dei tempi di percorrenza dai comuni dell'interno verso le città e la costa galluresi, rappresenta occasione di sviluppo e conseguente ovvio argine allo spopolamento dei tanti comuni dell'interno, la cui popolazione, purtroppo, come noto, si sta rapidamente riducendo;
- non pare più sostenibile che, a distanza di quasi mezzo secolo dalla sua programmazione, non si possa disporre di una infrastruttura sulla cui utilità non può esserci alcun dubbio;
- pare quantomeno singolare che un finanziamento già destinato per la realizzazione di un'opera pubblica urgente e indifferibile non possa poi essere utilizzato per tale finalità;
- riguardo la riqualificazione della strada provinciale n. 24, nonostante il datato finanziamento, non si hanno notizie relativamente al crono programma di realizzazione delle attività,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei lavori pubblici, per sapere:
1) se siano a conoscenza della criticità finanziaria in ordine alla realizzazione dei lavori di collegamento alla Abbasanta-Buddusò-Olbia della strada statale n. 389, tratto Alà dei Sardi-bivio Padru - IV lotto - 2°stralcio e quali azioni intendano intraprendere per consentire alla Provincia di risolvere tale problematica;
2) se esista il crono programma delle attività di realizzazione dei lavori di "Riqualificazione dell' itinerario SP 24 e SP 110 - Collegamento tra la SS 389 e la nuova SS 125 "Orientale Sarda" nel territorio di Alà dei Sardi e Padru", che illustri quali siano le eventuali attività eseguite e quali ancora da realizzare;
3) come sia possibile che i tempi di realizzazione di opere di tale importanza e urgenza possano dilatarsi nel modo abnorme qui rappresentato e se non ritengano necessario e urgente adottare gli opportuni correttivi al fine di riportare in un alveo di ragionevolezza le tempistiche di realizzazione delle opere pubbliche.

Cagliari, 22 settembre 2017