CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1278/A

COSSA, con richiesta di risposta scritta, sui danni derivanti dalla sovrappopolazione di cervi e cinghiali.

***************

Il sottoscritto,

premesso che in Sardegna la popolazione dei cervi ammonta attualmente a oltre 8.000 esemplari, mentre i cinghiali sono oramai oltre i 35.000;

considerato che la sovrappopolazione delle specie suindicate sta creando una situazione grave e insostenibile in diverse zone della Sardegna, soprattutto nel Sulcis Iglesiente;

constatato che gli animali selvatici stanno causando enormi danni alle coltivazioni, con aggravio di costi per il risarcimento da parte dell'amministrazione regionale, e stanno facendo aumentare anche i rischi di diffusione delle malattie;

evidenziato che in natura la popolazione viene ridimensionata con la diffusione delle malattie, che però possono anche essere facilmente trasmesse ad altre specie, anche da allevamento;

tenuto conto che in alcune aree si registra una densità di animali pari a oltre 20 unità per kmq mentre in altre regioni, come il Trentino Alto Adige, si autorizza l'abbattimento già oltre le 4 unità per kmq;

sottolineato che l'amministrazione regionale è costretta a spendere centinaia di migliaia di euro per il risarcimento dei danni causati ai privati,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessora regionale della difesa dell'ambiente per sapere:
1) se siano a conoscenza di quanto esposto;
2) quali provvedimenti intendano adottare per evitare che gli animali selvatici continuino a creare danni e che la Regione continui a spendere ingenti risorse per il relativo risarcimento;
3) se non ritengano di dover immediatamente intervenire per intensificare l'opera di trasferimento dei cervi, già intrapresa da Forestas, al fine di evitare di attivare, in ultima ipotesi, il prelievo controllato.

Cagliari, 18 ottobre 2017