CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1282/A

DESSÍ, con richiesta di risposta scritta, sul riconoscimento dei danni provocati alle marinerie di Sant'Anna Arresi e Teulada dai delfini e cormorani.

***************

Il sottoscritto,

premesso che, nel corso del convegno organizzato dalla UILA Pesca tenutosi Sant'Anna Arresi alla presenza del sottosegretario di Stato del Ministero delle politiche agricole settore pesca, Giuseppe Castiglione, dei deputatati Nicodemo Oliverio e Gessica Rostellato, nonché di alcuni consiglieri regionali, sono stati toccati tutti i problemi del settore pesca;

considerato che, nella stessa sede, gli operatori delle marinerie del Sulcis hanno segnalato la presenza di numerosi delfini in mare aperto e cormorani nelle aree lagunari che devastano le reti e si cibano del pesce pregiato provocando danni ingenti che costringono gli operatori, pur in perenne crisi, a dover riacquistare le attrezzature;

tenuto conto che il delfino e il cormorano sono considerati dalla normativa specie da tutelare e risulta pertanto necessario riconoscere le legittime esigenze degli operatori della pesca, ma allo stesso tempo rispettare la normative che tutelano entrambe le specie indicate;

appreso che, nelle annualità precedenti, la problematica è stata affrontata riconoscendo ad alcune marinerie della Sardegna indennizzi specifici;

preso atto che la Giunta regionale, con la deliberazione n. 63/6 del 15 dicembre 2015, su proposta dell'Assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale, provvedeva all'istituzione del regime di aiuti di cui all'articolo 11, comma 3, della legge regionale 9 marzo 2015, n. 5, in relazione ai danni provocati dai delfini agli operatori della pesca,

chiede di interrogare il Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale per sapere:
1) se sia a conoscenza di quanto esposto;
2) se non ritenga di dover immediatamente avviare una procedura per attivare gli aiuti agli operatori della pesca cosi come previsto con la deliberazione n. 63/6 del 15 dicembre 2015.

Cagliari, 19 ottobre 2017