CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1346/A

LEDDA - SATTA, con richiesta di risposta scritta, sul mancato aggiornamento del PLT.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- l'organismo pagatore nazionale (AGEA) nell'ambito del cosiddetto "Progetto Refresh" effettua con cadenza triennale il rilievo aerofotogrammetrico del territorio nazionale al fine di aggiornare i dati utili al Sistema integrato di gestione e controllo (SIGC);
- la Sardegna è interessata da una notevole estensione di superfici sulle quali sono svolte le pratiche locali tradizionali, le PLT, di cui all'articolo 7 del regolamento (UE) n. 369/2014, nelle quali le specie arbustive ed arboree sono predominanti rispetto all'erba e alle piante erbacee da foraggio;
- l'assessorato, a seguito di precise richieste dalle associazioni di categoria del settore, aveva concordato sulla necessità di procedere all'emanazione di un nuovo decreto, ad integrazione di quello già emanato, n. 497 del 18 marzo 2015, per aggiornare l'elenco delle superfici classificate erroneamente come bosco a seguito dell'ultimo Refresh; 
- le predette superfici, in mancanza del nuovo decreto assessoriale che le individui come interessate da PLT, se classificate come bosco, non sono ammissibili agli aiuti comunitari;

considerato che:
- in seguito al Refresh del 2013 gli agricoltori stanno ancora pagando le gravi conseguenze della mancata attuazione di quanto promesso circa le verifiche delle domande in anomalia che si sarebbero dovute svolgere presso l'Argea;
- nell'anno 2016 il territorio della Sardegna è stato interessato dal Refresh che si differenzia rispetto al Refresh del 2013 per la maggiore risoluzione delle ortofoto e per l'accresciuta probabilità di anomalie;

rilevato che:
- se la Regione non dovesse aggiornare l'elenco delle superfici si andrebbe ad aggravare ulteriormente la situazione degli agricoltori, i quali, oltre alla perdita dei contributi, si vedrebbero costretti a restituire premi già ricevuti e pagare delle sanzioni in quanto il progetto Refresh è retroattivo;
- a causa del nuovo Refresh le aziende agricole sarde si sono viste bloccate le domande del Piano di sviluppo rurale e del Premio unico oltre alle già numerose pratiche ferme per altri motivi, spesso burocratici;
- i nuovi codici sono tutti a sfavore degli agricoltori diminuendo le superfici destinate a pascolo e aumentando le aree boschive e tare,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale per sapere se non ritengano attivarsi con la massima urgenza per trovare una soluzione a questa catastrofica situazione che sta mettendo in ginocchio le nostre aziende agricole, e dare atto a tutte le procedure per una revisione degli aggiornamenti del progetto Refresh da parte dell'Agea e sollecitare la riapertura di tutti gli usi del territorio in modo da poter effettuare una nuova mappatura, che rispetti le specificità del nostro territorio e salvaguardi gli interessi della Sardegna.

Cagliari, 15 dicembre 2017