CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1351/A

GALLUS, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata sostituzione di una logopedista assente per maternità presso il Servizio di neuropsichiatria di Oristano.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- il ruolo del logopedista nel percorso educativo dei bambini autistici è fondamentale per comprendere il loro stadio di comunicazione e migliorarlo; infatti questi bambini hanno una grave difficoltà a decodificare i segnali di comunicazione su cui si reggono le interazioni sociali, determinando un comportamento sociale inadatto e, di conseguenza, la tendenza all'emarginazione dai coetanei;
- i bambini autistici presentano grave compromissione anche delle abilità linguistiche, perché tendono a memorizzare il linguaggio, piuttosto che ad acquisire le competenze grammaticali seguendo un sistema basato su regole; da ciò consegue una grave difficoltà ad accettare che le parole possano variare di significato a seconda del contesto in cui sono usate;
- è scientificamente provato che la logopedia è in grado di abortire la rapida involuzione autistica attraverso una riabilitazione linguistica precoce e globale; infatti bisogna ricordare che il canale linguistico-verbale deve essere sbloccato al più presto, perché un bambino che non comunica, non è in grado di utilizzare il linguaggio come mediatore per il suo comportamento e lo sviluppo cognitivo;

rilevato che:
- presso il Servizio di neuropsichiatria infantile del San Martino di Oristano una logopedista è assente per maternità dal giugno 2017 e non è mai stata sostituita, con la conseguenza che 20 bambini autistici sono rimasti senza trattamento;
- era stata assicurata dal direttore dell'ATS la rapida sostituzione delle assenze prolungate (tra cui appunto le maternità) in tutto il territorio regionale, non essendo attualmente possibile ricorrere a nuove assunzioni;

considerato che:
- la logopedia rappresenta un trattamento fondamentale nel ciclo dei progetti educativi del bambino autistico, avente lo scopo di offrire un percorso specifico e mirato alle esigenze di ogni bambino, attraverso una presa in carico globale;
- la precocità e la continuità degli interventi (tra cui la logopedia) sono direttamente proporzionali a una prognosi favorevole della riabilitazione del bambino autistico;
- a causa della mancanza della suddetta logopedista, dei 20 bambini seguiti presso il Servizio di neuropsichiatria infantile in esame, alcuni hanno dovuto interrompere il trattamento, mentre altri si sono trovati costretti ad affrontare una spesa di 1.300 euro mensili per garantire 6 ore settimanali di assistenza; cifra che può essere solo in minima parte recuperata con la legge n. 162 del 1998,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) quali siano i provvedimenti che si intendono adottare per porre fine a questa emergenza;
2) per quale motivo, essendo l'ATS un'Azienda sanitaria unica, non si provveda a ridistribuire equamente il personale tra i Servizi di logopedia della Regione.

Cagliari, 19 dicembre 2017