CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1396/A

ORRÙ - CONTU - FUOCO - TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sui disagi agli utenti che usufruiscono della linea n. 9341 Sassari-Macomer-Nuoro delle autolinee ARST Spa.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- pervengono ricorrenti segnalazioni da parte di numerosi utenti delle autolinee dell'Azienda regionale sarda trasporti (ARST), che lamentano deprecabili carenze di servizio, causa di altrettanti deprecabili disagi quotidiani, particolarmente accentuati nel caso dei pendolari e degli studenti che si spostano giornalmente lungo la linea extraurbana dell'ARST n. 9341 Sassari-Macomer-Nuoro;
- tali utenti lamentano la sordità delle istituzioni preposte all'organizzazione dei trasporti, le quali, prediligono fregiarsi del titolo di Azienda di trasporto pubblico locale tra le più importanti a livello nazionale, piuttosto che dare risposte in grado di risolvere gli inconvenienti manifestati da coloro che usufruiscono di un servizio pubblico a pagamento;

rilevato che gli operatori ed i mezzi di trasporto dell'ARST, preposti a servizio della linea extraurbana n. 9341, seguono un percorso di 142 km che si snoda tra la provincia di Sassari e quella di Nuoro, costellato di ben 17 fermate con una durata media di percorrenza di oltre due ore;

considerato che per metà del percorso stabilito gli operatori ed i mezzi dell'ARST transitano sulla strada statale n. 129, tristemente nota per la sua pericolosità, un'arteria altamente trafficata che, ancor oggi, la Giunta regionale ignora sottovalutandone la messa in sicurezza, nonostante i numerosi appelli che puntualmente si susseguono all'indomani di troppi incidenti mortali;

accertato che allo scenario di pericolosità oggettiva, sommariamente descritto al punto precedente, si aggiungono sia le croniche, indecenti condizioni igieniche in cui versa la stragrande maggioranza dei mezzi dell'Azienda trasporti regionale sia l'assoluta carenza di posti a sedere, risultato di una errata concezione politico amministrativa che, a dispetto delle belle parole di propaganda, profuse in abbondanza dall'organo esecutivo regionale, predilige il risparmio alla sicurezza ed al benessere dei cittadini sardi;

accertato che pendolari e studenti della linea n. 9341, al momento della partenza, sono costretti ad esibirsi in poco edificanti gare di abilità fisica pur di potersi accaparrare un posto a sedere in quei mezzi pubblici oggi tristemente ridotti alla stregua di carri per il trasporto bestiame di antica memoria, segnale inequivocabile di quanto poco efficace ed efficiente sia l'azione corrente delle politiche dei trasporti pubblici messe in atto in Sardegna dall'esecutivo in carica, con scenari da terzo mondo di cui nessun concittadino sente l'esigenza,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei trasporti per:
1) esortarli a prendere coscienza delle condizioni poco dignitose e di pericolo in cui versa l'intero trasporto pubblico locale in Sardegna ed in particolare la linea extraurbana dell'ARST n. 9341 Sassari-Macomer-Nuoro;
2) invitarli, a rimuovere, senza ulteriore indugio, il disagio che le dannose politiche di risparmio arrecano sistematicamente a pendolari e studenti che giornalmente usufruiscono della linea extraurbana dell'ARST n. 9341 Sassari-Macomer-Nuoro, attivando nell'immediato il potenziamento della suddetta linea attraverso l'incremento della dotazione numerica di uomini e mezzi a disposizione della clientela pagante.

Cagliari, 16 febbraio 2018