CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1443/A

FORMA, con richiesta di risposta scritta, sulle difficoltà della Comunità terapeutica operante nel campo dei sofferenti psichici "Approdo" di Nuoro.

***************

La sottoscritta,

premesso che:
- le strutture di riabilitazione psichiatriche costituiscono una fondamentale quanto insostituibile risorsa per il Dipartimento della salute mentale, dedicata al trattamento dei singoli pazienti affetti da disturbi psichiatrici, che necessitano di interventi terapeutici riabilitativi o interventi di supporto socio-sanitario effettuabili in regime residenziale;
- attraverso definiti programmi di riabilitazione psichiatrica mirati al miglior recupero psichico, fisico e relazionale, dette strutture operano per ottenere un reinserimento efficace e duraturo del paziente nella vita familiare e sociale;
- i percorsi terapeutici proposti garantiscono il continuo affiancamento degli ospiti all'interno di un contesto ambientale che per caratteristiche fisiche e organizzative rimanda ad una dimensione familiare;

vista:
- la deliberazione della Giunta regionale n. 23/25 del 9 maggio 2017 con la quale sono stati determinati i tetti di spesa per l'acquisizione da parte dell'ATS delle prestazioni sanitarie e socio-sanitarie da strutture private accreditate per l'anno 2017 e approvate le linee di indirizzo e gli schemi di contratto per ciascuna macroarea di attività;
- la delibera del Direttore generale dell'ATS n.648 del 22 luglio 2017 e relativo allegato con il quale si approva il piano preventivo delle attività (PPA) per l'anno 2017 relativo alla stipula di contratti con le strutture private e i professionisti accreditati per l'acquisto di prestazioni sanitarie socio-sanitarie, sulla base dei presupposti di legge;

considerato che:
- la richiamata delibera dell'ATS precisa tra l'altro che "la rete delle strutture residenziali e semiresidenziali per la salute mentale, sia a carattere socio-sanitario che socio-assistenziale, richiede una profonda revisione atteso che le strutture oggi disponibili sono sorte in larga prevalenza sulla base di atti ed interventi settoriali e/o di esigenze particolari, prescindendo frequentemente dalla visione complessiva dei bisogni; esistono, pertanto, importanti carenze nella disponibilità di strutture, nella loro distribuzione sul territorio e nella coerenza fra bisogni terapeutici e assistenziali e strumenti di intervento disponibili; la Regione sta procedendo alla ridefinizione dell'offerta tendenzialmente autorizzabile ed accreditabile diversificata per tipologia dell'utenza, intensità del trattamento richiesto e volumi di attività previsti";
- a Nuoro opera nel campo dei sofferenti psichici una comunità terapeutica denominata "Approdo", gestita dalla Cooperativa sociale Approdi, con possibilità di ospitare fino a 8 pazienti, la quale impegna una equipe multidisciplinare di 15 figure professionali tra psicologi, infermieri, OSS, educatori e collaboratori, con un'offerta variegata di attività terapeutiche e ludico-ricreative;
- tuttavia gli ospiti attualmente in carico alla predetta struttura dal mese di settembre 2017 si sono ridotti a tre, per mancanza di assegnazioni da parte dell'ATS-ASSL, tali da risultare insufficienti a sopperire alle spese, comprese quelle per il personale;

sottolineato che:
- la comunità "Approdo" garantisce un servizio H24 e si distingue sia per il livello terapeutico - riabilitativo sia per il livello di intensità assistenziale offerto non solo per il territorio del Nuorese, ma per l'intera Regione;
- l'ipotesi di un eventuale, imminente, depotenziamento o addirittura la definitiva chiusura della struttura, per carenza di assegnazione di inserimenti produrrebbe il duplice, grave, effetto di interrompere le terapie in corso, in danno agli utenti e le loro famiglie e finanche il licenziamento degli operatori impegnati all'interno della struttura, venendo inoltre a mancare un importante punto di riferimento nel delicato settore;

atteso che:
- paradossalmente, secondo i contenuti della citata delibera dell'ATS, da un lato si palesa la necessità di una profonda revisione che tenga conto degli effettivi bisogni, dall'altro si segnala la carenza nella distribuzione delle strutture residenziali e semiresidenziali per la salute mentale;
- anche i sindaci del PLUS del territorio di riferimento hanno richiesto un intervento puntuale della Regione,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) quali azioni intendano mettere in atto finalizzate alla salvaguardia della Comunità terapeutica "Approdo" con sede in Nuoro;
2) se l'Azienda tutela della salute (ATS) intenda garantire la prosecuzione del servizio offerto dalla suddetta comunità assegnando i pazienti utili al mantenimento della gestione ottimale della stessa e per i quali è stata accreditata dalla Regione.

Cagliari, 27 marzo 2018