CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1451/A

TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sulle modalità di reclutamento del personale AREUS e sulla conseguente assegnazione provvisoria delle funzioni di staff.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- con la legge regionale 17 novembre 2014, n. 23 recante "Norme urgenti per la riforma del sistema sanitario regionale. Modifiche alle leggi regionali n.23 del 2005, n. 10 del 2006 e n. 21 del 2012." è stata istituita l'Azienda regionale dell'emergenza e urgenza della Sardegna (AREUS);
- l'articolo 4, comma 4, della legge regionale n. 23 del 2014 dispone testualmente "la Giunta regionale, acquisito il parere della Commissione consiliare competente, definisce la sede, il patrimonio, il personale e le specifiche funzioni dell'AREUS e le interrelazioni con le altre aziende sanitarie, e provvede alla nomina dei relativi organi, contestualmente al riassetto delle aziende sanitarie locali di cui alla presente legge";

considerato che:
- con la deliberazione di Giunta regionale n. 49/53 del 27 ottobre 2017, è stato nominato il direttore generale dell'AREUS a cui veniva affidato, tra gli altri, l'obiettivo di definire "l'assetto gestionale e organizzativo dell'Azienda in coerenza con le vigenti norme e regolamenti regionali ed, in particolare, con la legge regionale n. 23 del 2014 e con la rete ospedaliera regionale";
- con la deliberazione di Giunta regionale n. 55/10 del 13 dicembre 2017 l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale prevede una prima fase di avvio dell'AREUS in cui il direttore generale deve procedere tra le altre cose alla "definizione dei processi di ricognizioni condotti di concerto con le altre aziende sanitarie, di seguito sinteticamente descritte:
- individuazione delle strutture organizzative che dovranno essere ricondotte ad AREUS;
- individuazione dell'elenco del personale dipendente a tempo indeterminato, determinato e a contratto operante nei servizi a gestione AREUS";

verificato che:
- ad oggi non risulta avviata alcuna procedura di mobilità per il transito del personale dall'Azienda per la tutela della salute all'AREUS;
- contemporaneamente risultano, invece, approvate diverse deliberazioni del direttore generale dell'ATS, aventi ad oggetto il comando presso l'AREUS di personale dipendente dell'ATS, al fine di consentire all'azienda, per l'emergenza e urgenza, di avviare i processi tecnico amministrativi indispensabili alla fase di avvio;

dato atto che sono stati approvati diversi decreti del direttore generale dell'AREUS aventi ad oggetto l'assegnazione provvisoria di funzioni afferenti l'area della tecnostruttura e di staff;

ritenuto che:
- appare quanto mai bizzarro che il direttore generale di un'azienda sanitaria possa emanare dei decreti;
- la possibilità di essere assegnati in comando presso l'AREUS sembra appartenere più alla sfera delle "capacità divinatorie" del singolo dipendente, che non a criteri di pubblicità e trasparenza;

valutato che non risulta dagli atti dell'AREUS che si sia provveduto all'"individuazione dell'elenco del personale dipendente a tempo indeterminato, determinato e a contratto operante nei servizi a gestione AREUS", come previsto dalla deliberazione di Giunta regionale n. 55/10 del 13 dicembre 2017,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dell'igiene e sanità, e assistenza sociale per sapere:
1) se fosse informato dell'originale modalità di selezione del personale dell'AREUS e del conseguente affidamento degli incarichi;
2) quali azioni intenda intraprendere per riportare la costituzione della pianta organica dell'AREUS ai criteri di pubblicità, trasparenza, efficacia ed efficienza e alle stesse disposizioni della Giunta regionale;
3) quale sia la legittimità e la conseguente efficacia giuridica dei decreti emanati dal direttore generale dell'AREUS.

Cagliari, 9 aprile 2018