CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1476/A

TEDDE - ZEDDA Alessandra - COINU - CONTU - FASOLINO - PERU - TOCCO - TUNIS, con richiesta di risposta scritta, circa la preoccupante situazione in cui versa l'Unità operativa complessa di chirurgia vascolare dell'AOU di Sassari.

***************

I sottoscritti,

premesso che, con deliberazione n. 182 del 7 marzo 2018 a firma del direttore generale dell'Azienda ospedaliera universitaria AOU di Sassari, è stata disposta la stipula di una convenzione tra l'Azienda ospedaliera universitaria di Sassari e l'ATS per la sostituzione del responsabile dell'Unità complessa di chirurgia vascolare dell'AOU di Sassari, in caso di sua assenza o impedimento, con un dirigente medico della Struttura di chirurgia vascolare dell'ATS-ASSL Nuoro;

premesso, altresì, che la stipula è stata disposta in quanto l'AOU di Sassari non disporrebbe "nel proprio ambito aziendale, della figura professionale di un chirurgo vascolare con la necessaria professionalità, che possa sostituire il responsabile della struttura di chirurgia vascolare in caso di sua assenza";

considerato che tale convenzione prevede che il sostituto è tenuto a svolgere le prestazioni sostitutive "al di fuori dell'impegno di servizio e nella salvaguardia delle esigenze e dei volumi orari di attività previsti per l'attività istituzionale di competenza";

considerato, pertanto, che gli accordi contenuti nella convenzione di cui alla deliberazione n. 182 del 7 marzo 2018 dell'AOU di Sassari sostanzialmente subordinano la sostituzione del responsabile dell'Unità complessa di chirurgia vascolare dell'AOU di Sassari alla disponibilità del dirigente medico proveniente da Nuoro, compatibilmente con i suoi impegni lavorativi presso il nosocomio di Nuoro;

considerato, altresì, che la suddetta soluzione pare adatta in caso di interventi programmati ma che per ovvi motivi presenta forti criticità in caso di emergenze che per il carattere improvviso e d'urgenza con le quali si manifestano non possono attendere di essere affrontate e risolte da un medico che deve giungere da Nuoro e che può farlo esclusivamente se libero dagli impegni professionali presso la sede cui è assegnato;

dato atto che, nello scorso mese di marzo, la stampa ha riportato la drammatica notizia dell'anziano sassarese deceduto a seguito dell'improvviso aggravamento di un aneurisma per il quale era stato urgentemente ricoverato presso il reparto di Chirurgia vascolare del Santissima Annunziata;

dato atto, altresì, che sulla vicenda indaga la Procura della Repubblica di Sassari a seguito della denuncia formalizzata dai figli dell'anziano sassarese deceduto;

osservato che da quanto riportato dai più autorevoli organi d'informazione e dagli elementi attualmente al vaglio degli inquirenti e della magistratura, il decesso dell'anziano sassarese parrebbe direttamente ricollegabile all'assenza del primario nel reparto di Chirurgia vascolare ed alla sua mancata sostituzione;

osservato, altresì, che se quanto ipotizzato venisse accertato ciò confermerebbe la assoluta inadeguatezza della scelta operata dalla direzione generale dell'AOU di Sassari le cui conseguenze non garantiscono la salvaguardia dello stato di salute e l'incolumità dei pazienti;

rilevato che anche se dovesse essere accertato che il decesso dell'anziano sassarese non è collegabile alla temporanea assenza del responsabile dell'Unità complessa di chirurgia vascolare ed alla sua mancata sostituzione, pare irresponsabile e antieconomica la decisione di affidare la guida della suddetta struttura ad un dirigente medico fisicamente molto lontano da Sassari e che può garantire le proprie prestazioni esclusivamente se libero dagli impegni professionali che detiene a Nuoro;

sottolineato che la situazione appare ancor più grave e suscettibile di essere accertata e verificata sul piano delle responsabilità, se si tiene in considerazione che a quanto consta al momento dell'assunzione della deliberazione n. 182 del 7 marzo 2018 del direttore generale dell'AOU di Sassari esistevano all'interno dell'AOU e nel reparto di chirurgia vascolare del Santissima Annunziata figure con la professionalità adeguata a sostituire in caso di assenza o impedimento il primario, una delle quali ha svolto il ruolo di responsabile facente funzioni della UOC di chirurgia vascolare dal 27 settembre 2010 al 30 giugno 2016, fino alla data del conferimento dell'incarico all'attuale responsabile dell'UOC di chirurgia vascolare, ha prodotto decine di pubblicazioni scientifiche e ha frequentato importanti stage all'estero;

sottolineato, pertanto, che ciò comporterebbe responsabilità gravissime in ordine alla veridicità delle motivazioni addotte nella deliberazione n. 182 del 7 marzo 2018 e poste alla base della decisione di procedere alla stipula di una convenzione per assicurare i servizi di consulenza di un dirigente medico proveniente da Nuoro che, peraltro, comportano ulteriori costi a carico dell'AOU di Sassari,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione per conoscere:
1) se risponda al vero che all'interno dell'AOU e dell'Unità complessa di chirurgia vascolare alla data del 7 marzo 2018 non fosse presente una figura professionale di un chirurgo vascolare con la necessaria professionalità, che potesse sostituire il responsabile della Struttura di chirurgia vascolare in caso di sua assenza;
2) quali siano i provvedimenti che l'Amministrazione regionale intende adottare affinché la direzione generale dell'AOU di Sassari individui una soluzione alternativa a quella attuata con deliberazione n. 182 del 7 marzo 2018 del direttore generale che presenta preoccupanti e pericolose criticità che, se non già eventualmente manifestatesi in occasione del decesso dell'anziano sassarese nel marzo scorso oggetto di indagini della magistratura, con ogni probabilità si manifesteranno allorquando si presenteranno emergenze alle quali il dirigente medico di Nuoro non potrà far fronte con la tempestività e l'urgenza che esse richiedono.

Cagliari, 2 maggio 2018