CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1512/A

TEDDE - ZEDDA Alessandra - COINU - CONTU - FASOLINO - PERU - TOCCO - TUNIS, sul mancato avvio del nuovo servizio di elisoccorso presso l'aeroporto di Alghero-Fertilia.

***************

I sottoscritti,

premesso che con la legge regionale 17 novembre 2014, n. 23 è stata istituita l'Azienda regionale dell'emergenza e urgenza della Sardegna che deve gestire e rendere omogeneo nel territorio della Sardegna il soccorso sanitario di emergenza-urgenza territoriale attraverso una serie di attività fra le quali il 118, il servizio di trasporto del sangue e l'elisoccorso;

premesso, altresì, che solo ad ottobre 2017, con circa un anno di ritardo, la Giunta regionale ne ha nominato il direttore;

rilevato che dal 2001 ad oggi il servizio di elisoccorso è svolto con grande professionalità dal personale sanitario del 118 e dai Vigili del fuoco, il cui costo annuo, comprensivo dei locali, ammonta ad appena un milione e cinquecentomila euro;

osservato che l'elicottero AB 412 dislocato presso l'aeroporto di Alghero-Fertilia ha eseguito centinaia di interventi salvando decine di vite umane;

osservato, altresì, che con la deliberazione n. 9 del 22 marzo 2018 l'Azienda ha avviato la procedura per affidare il servizio di elisoccorso che è stato aggiudicato ad una impresa che fornirà tre elicotteri con annesso personale tecnico, che avranno base negli aeroporti di Alghero, Olbia ed Elmas, con un costo di 8,9 milioni di euro all'anno per 8 anni, ai quali dovranno sommarsi novecentomila euro per costi di locazione dei locali destinati ad ospitare i velivoli nei tre aeroporti;

tenuto conto che la Giunta regionale ha annunciato che il servizio sarà operativo a partire dal 1° luglio prossimo e sarà effettuato da tre elicotteri su tre basi individuate nei tre aeroporti sardi: Cagliari-Elmas (H12), Alghero Fertilia (H12), Olbia Costa Smeralda (H24), con equipaggi composti da due piloti, un medico, un infermiere e un tecnico del Soccorso alpino che sarà addetto all'uso del verricello;

preso atto che da fonti dell'AREUS abbiamo appreso che per motivi sconosciuti ad Alghero il servizio di elisoccorso partirà solo dal prossimo ottobre;

evidenziato che questo ritardo lascerebbe scoperta un'importante area territoriale dell'isola che specie in materia sanitaria in questi anni ha dovuto subire un pesante depotenziamento,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione per conoscere:
1) quali siano le ragioni del preoccupante ritardo nell'avvio del nuovo servizio di elisoccorso a fronte di un'operatività a partire dal 1° luglio per gli aeroporti di Olbia e Cagliari;
2) quali siano i rimedi che l'Amministrazione regionale intende porre in essere al fine di consentire che anche presso l'aeroporto di Alghero-Fertilia, come in quelli di Cagliari-Elmas e Olbia, il nuovo servizio di elisoccorso inizi a partire dal prossimo 1° luglio, posto che vi è poco più di un mese di tempo per rimuove le cause, ad oggi sconosciute, del preoccupante ritardo.

Cagliari, 28 maggio 2018