CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1578/A

GALLUS, con richiesta di risposta scritta e urgente, sul ridimensionamento dell'attività del laboratorio analisi del presidio ospedaliero Delogu di Ghilarza.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- ormai da anni vige una cronica e grave carenza di personale medico e di tecnici biologi presso il laboratorio analisi del presidio ospedaliero di Ghilarza;
- sino al 15 luglio 2018 il laboratorio analisi del presidio ospedaliero Delogu di Ghilarza era attivo H12 (dalle ore 08 alle ore 20) dal lunedì al sabato, col solo personale tecnico biologo prontamente disponibile il sabato dalle ore 14 alle ore 20, la domenica H12 (dalle ore 8 alle ore 20) e durante le ore notturne;

rilevato che attualmente l'unico e ultimo dirigente medico in servizio presso il laboratorio analisi del presidio ospedaliero Delogu di Ghilarza è andato in pensione;

considerato che:
- non sono state programmate assunzioni per ripristinare l'organico dei dirigenti medici e dei tecnici biologi del laboratorio analisi del presidio ospedaliero Delogu di Ghilarza;
- si è reso necessario un ridimensionamento delle attività del laboratorio analisi in oggetto e del centro prelievi del presidio ospedaliero Delogu di Ghilarza, che a far data dal 23 luglio 2018 vedrà la presenza dei soli tecnici biologi 1-16 (dalle ore 08:00 alle ore 14:00) nei soli giorni feriali unicamente per lo smistamento e il controllo dei campioni biologici e l'utilizzo di un servizio di autisti in tutta la restante fascia oraria, per il trasporto dei campioni biologici al laboratorio analisi del presidio ospedaliero San Martino di Oristano,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se siano a conoscenza di quanto esposto;
2) quali siano le motivazioni che impediscono l'assunzione di medici di laboratorio e di tecnici biologi presso il servizio del presidio ospedaliero Delogu di Ghilarza, al fine di poter salvaguardarne l'apertura e di garantire i servizi agli utenti;
3) sapere quali siano i provvedimenti che si intendono adottare per porre fine a questa emergenza e scongiurare la chiusura di altri servizi dello stesso presidio ospedaliero, se non dello stesso nosocomio.

Cagliari, 19 luglio 2018