CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1586/A

TRUZZU - FUOCO - LAMPIS - ORRÙ, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione dei lavoratori ex UNILEVER.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- nel mese di dicembre 2006 la dirigenza della multinazionale UNILEVER comunicava alle organizzazioni sindacali, alle associazioni industriali e alla RSU aziendale la chiusura dello stabilimento di Cagliari entro dicembre 2007;
- il 18 dicembre 2007 venivano sottoscritti dall'Assessore alle attività produttive e dall'Assessore al lavoro della Provincia di Cagliari, dall'Assessore regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale, dalla multinazionale UNILEVER, dall'Unione degli industriali di Cagliari, dalle organizzazioni sindacali e dalla RSU aziendale, l'accordo sull'esame congiunto (articolo 2, comma 3 e 6 del decreto del Presidente della Repubblica n. 218 del 2010) e l'accordo sull'esame congiunto (articolo 4, commi 6 e 7 della legge n. 231 del 1991 e articolo 3 comma 2 del decreto legislativo n. 469 del 1997);
- i 75 dipendenti ex UNILEVER sono stati successivamente collocati in mobilità;

valutato che in data 28 febbraio 2013 gli Assessori regionali dell'industria e del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale, la società CIAM Servizi Spa, la Provincia di Cagliari e le organizzazioni sindacali hanno sottoscritto un verbale di accordo, integrato da un atto aggiuntivo sottoscritto in data 30 gennaio 2014, attraverso il quale si impegnavano, ognuno per i propri ambiti di competenza, a programmare e attuare a favore dei lavoratori ex UNILEVER percorsi e politiche per il lavoro e formative, in coerenza con le esigenze dell'azienda e con le proprie iniziative produttive;

considerato che nei sopraccitati verbali di accordo risulta l'impegno della società CIAM Servizi Spa, previa approvazione dei piani industriali e a conclusione/superamento dei piani formativi, ad assumere fino ad un massimo di 30 "soggetti svantaggiati nel mercato del lavoro", dando priorità ai lavoratori provenienti dalla ex UNILEVER;

appurato che in data 6 maggio 2014 si è dato positivamente inizio ai percorsi di politiche attive per il lavoro, attraverso un percorso formativo di riqualificazione professionale, che hanno coinvolto n.42 lavoratori ex UNILEVER;

valutato che il percorso formativo, della durata di 400 ore, svoltosi presso la sede formativa IAL Sardegna di Elmas e in parte presso l'azienda CIAM, si è concluso in data 19 dicembre 2014, ed era finalizzato all'inserimento in azienda e al termine dello stesso non è stata rilasciata alcuna qualifica utilizzabile per eventuali differenti inserimenti lavorativi;

considerato che i lavoratori ex UNILEVER risultano attualmente disoccupati e sono oramai privi, dal 2014, di alcun tipo di sostegno al reddito, nonostante siano stati più volte interessati da accordi volti a perseguire l'obiettivo di una possibile ricollocazione occupazionale,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione, l'Assessore regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale e l'Assessore regionale dell'industria per sapere:
1) se siano a conoscenza della grave situazione in cui versano i lavoratori ex UNILEVER;
2) se siano stati eseguiti i monitoraggi riguardanti il rispetto degli accordi sottoscritti in data 28 febbraio 2013 e 30 gennaio 2014 (punto 4 del verbale di accordo);
3) quali azioni intendano porre in essere per perseguire l'obiettivo di una ricollocazione occupazionale dei lavoratori ex UNILEVER.

Cagliari, 24 luglio 2018