CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1617/A

TRUZZU - LAMPIS - ORRÙ, con richiesta di risposta scritta, sull'avvio delle procedure di promozione per merito comparativo del Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale.

***************

 

I sottoscritti,

premesso che:
- il commissario straordinario del Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale (CSBM), con la delibera n. 53 del 20 luglio 2018, ha avviato le procedure di promozione per merito comparativo per il personale consortile in servizio presso l'Ente;
- la delibera summenzionata ha autorizzato la Direzione generale del CSBM all'avvio della procedura di selezione delle promozioni per merito comparativo "nelle more della definizione dell'iter di approvazione della (...) deliberazione ai sensi e per gli effetti di cui agli articoli 40 e 41 della legge regionale 23 maggio 2008, n. 6";

considerato che il Direttore generale del CSBM, con delibera n. 329 del 31 agosto 2018, ha avviato la procedura di selezione delle promozioni per merito comparativo "precisando che l'efficacia degli atti posti in essere è subordinata al positivo esito di controllo da parte dell'Assessorato dell'agricoltura e riforma agro-pastorale";

valutato che:
- il commissario straordinario del Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale, con delibera n. 44 del 28 giugno 2018, ha convocato l'assemblea dei consorziati per il giorno 28 ottobre 2018 per l'elezione dei componenti del Consiglio dei delegati del Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale, risultante dalla fusione per incorporazione tra il Consorzio della Sardegna meridionale, il Consorzio di bonifica del Cixerri ed il Consorzi di bonifica del Basso Sulcis; lo stesso ha poi rettificato la delibera sopraccitata con deliberazione commissariale n. 60 del 1° agosto 2018;

appurato che:
- la fusione tra il Consorzio della Sardegna meridionale, il Consorzio di bonifica del Cixerri ed il Consorzio di bonifica del Basso Sulcis è stata approvata con decreto del Presidente della Regione n. 126 del 19 novembre 2015;
- il commissario straordinario e il Collegio dei revisori dei conti del Consorzio di bonifica risultante dalla fusione sono stati nominati con deliberazione della Giunta regionale n. 20/13 del 12 aprile 2016 con il compito di espletare gli adempimenti previsti all'articolo 18, comma 10, della legge regionale n. 6 del 2008, ovvero: "unificazione delle gestioni, rilevazione degli elementi che compongono il patrimonio ente, ricognizione dei rapporti giuridici separando le singole posizioni debitorie, ricognizione del personale, predisposizione del Piano di organizzazione del personale, predisposizione del piano di classifica, adozione del nuovo statuto, indizione delle elezioni per la nomina del consiglio dei delegati;
- a partire dal 12 aprile 2016, pertanto, il CSBM è commissariato e diversi soggetti, nel tempo, si sono avvicendati alla guida dello stesso;
- il commissario straordinario attuale è stato nominato con deliberazione della Giunta regionale n. 15/26 del 27 marzo 2018 e successivo decreto del Presidente della Regione n. 27 dell'11 aprile 2018 per completare gli adempimenti di cui all'articolo 18, comma 10, della legge regionale n. 6 del 2008 e con lo specifico mandato di redigere, entro e non oltre trenta giorni dalla nomina, una dettagliata relazione attestante lo stato di attuazione del procedimento di fusione in corso, nonché un cronoprogramma delle attività ancora da espletare per la conclusione del procedimento di fusione nei tempi tecnici necessari;

precisato che:
- il nuovo Statuto del Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale è stato approvato il 28 novembre 2017, con deliberazione del commissario straordinario n. 36 successivamente modificato dalla delibera n. 39 del 7 dicembre 2017;
- il commissario straordinario ha approvato il Piano di organizzazione variabile del Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale con la delibera n. 40 del 7 dicembre 2017;
- il commissario straordinario, con delibera n.1 del 9 gennaio 2018, ha ratificato l'assegnazione del personale del Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale, del Consorzio di bonifica del Cixerri e del Consorzio di bonifica del Basso Sulcis;
- il commissario straordinario, con delibera n. 10 del 5 febbraio 2018, così come modificata con successiva delibera n. 40 del 23 maggio 2018, ha disposto l' articolazione delle aree in settori operativi e unità operative (sezioni) del Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale, del Cixerri e del Basso Sulcis;

considerato che:
- l'elezione dei componenti del Consiglio dei delegati del Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale risultante dalla fusione è ormai imminente (28 ottobre 2018);
- l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale ha più volte pubblicamente ribadito che il compito primario del commissario del CSBM sarebbe stato indire le elezioni del Consorzio e porre fine alla fase commissariale;
- ragioni di prudenza e di opportunità consigliano che azioni, progetti e atti importanti per la vita futura dell'ente dovrebbero essere adottate dai prossimi organi elettivi, rappresentativi dei consorziati dell'intero comprensorio consortile;

constatato che:
- si palesa quanto meno discutibile l'iniziativa intrapresa da un organo di nomina politica prossimo alla scadenza di mandato volta all'avvio delle procedure di promozione per merito comparativo per il personale consortile in servizio presso l'ente;
- nelle delibere sopraccitate non vi è alcuna specifica motivazione che possa anche solo parzialmente giustificare l'urgenza di simile iniziativa;
- il riferimento alle "esigenze legate al regolare ed efficace svolgimento del servizio irriguo e della bonifica idraulica" ed alle "necessità di ricoprire le posizioni vacanti di responsabile di settore e di sezione quali risultano dal nuovo assetto organizzativo del Consorzio", ugualmente, non paiono giustificare l'urgenza di provvedere in merito ad un profilo delicato e di rilievo qual è quello del personale consortile, che si ritiene dovrebbe essere affrontato dai prossimi organi elettivi dell'ente;
rilevato che:
- la deliberazione n. 53 del 20 luglio 2018 non ha ancora superato positivamente il controllo del competente organo regionale ai sensi degli articoli 40 e 41 della legge regionale n. 6 del 2008;
- l'attivazione delle procedure di promozione per merito comparativo è stata deliberata nelle more della definizione dell'iter di approvazione della deliberazione ai sensi e per gli effetti di cui agli articoli 40 e 41 della legge regionale n. 6 del 2008;
- nell'atto amministrativo non si rinvengono motivazioni particolari e specifiche tali da giustificare l'urgenza di provvedere in merito in un momento temporale immediatamente antecedente la nomina degli organi elettivi del Consorzio,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale per sapere se:
1) siano a conoscenza di quanto su esposto;
2) non ritengano di dover immediatamente intervenire per chiarire le motivazioni che hanno determinato la necessità di attivare le procedure di promozione per merito comparativo per il personale consortile in servizio presso l'ente, pur nell'imminenza della scadenza di mandato del commissario straordinario in carica, in conseguenza delle elezioni degli organi consortili;
3) non ritengano di dover intervenire affinché vengano intraprese tutte le iniziative necessarie al fine di annullare la deliberazione commissariale n. 53 del 20 luglio 2018 e lasciare ogni decisione circa la procedura di selezione per merito comparativo ai rappresentanti dei consorziati dell'intero comprensorio del Consorzio, che saranno eletti il prossimo 28 ottobre 2018.

Cagliari, 13 settembre 2018