CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1667/A

DESINI - MANCA Pier Mario - UNALI - CONGIU - CHERCHI Augusto, con richiesta di risposta scritta, sulla revoca dell'accreditamento della struttura sanitaria privata convenzionata facente capo alla società Policlinico Sassarese Spa.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- la struttura sanitaria privata convenzionata facente capo alla società Policlinico Sassarese Spa al 9 settembre 2018 risultava inserita nell'elenco delle strutture sanitarie accreditate;
- il procedimento amministrativo per l'accreditamento definitivo avviato nel 2013 per le attività di laboratorio analisi cliniche, degenza, diagnostica per immagini e specialistica ambulatoriale da svolgersi presso la casa di cura privata si è recentemente concluso con la determinazione n. 951 del 18 settembre 2018, prot. n. 22236, con la quale il Direttore del Servizio Qualità dei servizi e governo clinico della Regione Sardegna ha disposto il diniego dell'accreditamento;
- il diniego dell'accreditamento definitivo, secondo quanto si legge nella predetta determinazione, è imputabile al fatto che la società avrebbe trasmesso un cronoprogramma relativo alle opere di adeguamento senza certificare la presenza di condizioni e/o approcci ingegneristici idonei a garantire la sicurezza dei pazienti e degli operatori e che l'ATS Sardegna non avrebbe prodotto nessuna certificazione in merito alla presenza di idonei requisiti impiantistici e tecnologici nel blocco operatorio della stessa struttura;
- con la successiva determinazione n. 991 del 25 settembre 2018, prot. n. 22880, il Direttore del succitato servizio ha ritenuto che la mancanza delle condizioni organizzative e strutturali accertata nell'ambito del procedimento di accreditamento definitivo non consentisse" nemmeno il mantenimento dell'accreditamento provvisorio e ha deciso di avviare il procedimento per la revoca dell'accreditamento provvisorio già concesso alla Casa di cura, assegnando il termine di trenta giorni per la presentazione di eventuali osservazioni e controdeduzioni;
- il Policlinico Sassarese Spa ha riscontrato la sopra menzionata nota trasmettendo alla Regione il decreto n. 07/2018 con cui il Tribunale di Sassari ha autorizzato la medesima società a stipulare il contratto d'affitto d'azienda con Habilita Spa e chiedendo la concessione di un ulteriore termine di trenta giorni, al fine di poter implementare le procedure previste dal Decreto e di poter formalizzare detto contratto, contenente anche l'impegno ad eseguire i prescritti interventi di messa in sicurezza della struttura;
- a sua volta, con nota del 26 ottobre 2018 il Commissario giudiziale del concordato preventivo ha domandato alla Regione la concessione di un ulteriore termine di trenta giorni per la presentazione delle proprie osservazioni e controdeduzioni in merito;
- ciononostante, con la determinazione prot. n. 25746 del 31 ottobre 2018, n. 1225, il Direttore del Servizio - considerato che, come riportato nelle surrichiamate determinazioni n. 991 del 25 settembre 2018 e n. 951 del 18 settembre 2018, il Nucleo tecnico aveva attestato la mancanza delle condizioni per il proseguo dell'attività in regime di accreditamento istituzionale nella struttura in questione e che la documentazione prodotta da ultimo dal Policlinico Sassarese Spa non consentiva, a suo giudizio, di superare le criticità rilevate in capo alla struttura dal punto di vista delle condizioni organizzative e strutturali, ha deciso di revocare definitivamente l'accreditamento provvisorio concesso alla Casa di cura;

considerato che:
- la revoca dell'accreditamento mette a rischio circa duecento posti di lavoro, dato che risulta che i sindacati siano stati già convocati in vista dell'avvio della procedura di licenziamento collettivo per i dipendenti della struttura e minaccia di compromettere irrimediabilmente le trattative in corso per l'affitto di azienda da parte del Gruppo Habilita, unica strada per consentire, allo stato attuale, la sopravvivenza della struttura e di garantire la continuità dei servizi assistenziali e terapeutici dalla stessa offerti;
- il Policlinico Sassarese Spa è stato autorizzato dal Prefetto di Sassari, su istanza del fondatore e direttore Prof. Giovanni Andrea Pietri, con decreto n. 14559 del 26 dicembre 1925;
- trattasi di un presidio sanitario che ha erogato per quasi un secolo servizi sanitari di eccellenza non solo per gli abitanti di Sassari, ma per tutto il Nord Sardegna e che rappresenta, tuttora, un punto di riferimento irrinunciabile per i pazienti sardi, se si tiene conto, ad esempio, del fatto che nel 2014 nel Reparto di radiologia della struttura era stata inaugurata una nuova TAC in grado di eseguire analisi più precise esponendo i pazienti a una quantità di radiazioni inferiore del 50 per cento rispetto ai macchinari tradizionali e che il punto nascite del Policlinico Sassarese ha rappresentato, anche nel 2017, un'eccezione per il numero particolarmente elevato dei parti rispetto alla media rilevata nel territorio regionale,

chiedono di interrogare la Giunta regionale e in particolare l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale al fine di sapere quali iniziative intendano porre in essere per garantire la sopravvivenza della casa di cura privata facente capo alla società Policlinico Sassarese Spa e per scongiurare immediatamente il rischio di interrompere l'erogazione degli irrinunciabili servizi terapeutici e assistenziali offerti dalla struttura e di addivenire al licenziamento collettivo di circa duecento lavoratori.

Cagliari, 7 novembre 2018