CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1673/A

SATTA, con richiesta di risposta scritta, sulla grave crisi aziendale che ha coinvolto l'azienda ICOM Spa con sede nella zona industriale di Macchiareddu in agro di Assemini.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- l'Azienda ICOM Spa opera da oltre 40 anni nel settore industriale nella progettazione, costruzione, montaggio e manutenzione di impianti industriali chimici, petrolchimici e produzione di energia;
- è presente nel territorio regionale nella sede ubicata nella zona industriale di Macchiareddu in agro di Assemini con un organico di personale specializzato pari a circa 206 dipendenti;
- si è dotata di sistemi di gestione qualità secondo la ISO 9001:2015 ed ha conseguito tutte le certificazioni che assicurano la capacità di fabbricare prodotti conformi ai requisiti previsti dalle norme di riferimento europeo ed internazionali;
- la ICOM Spa è stata scelta come partner tecnologico dai marchi píù prestigiosi dell'industria italiana come Acciona, Air Liquide, Enel, Eni, Fluorsid, Gamesa, Nordex, Siemens e Techint, per citare alcune aziende altamente conosciute a livello nazionale ed europeo;

considerato che:
- la grave crisi industriale, che da diversi anni ha coinvolto anche la Regione, ha portato le aziende del settore a veder ridurre, sempre più drasticamente, le opportunità di acquisizione di commesse lavorative, con la conseguente riduzione del fatturato e del personale assunto;
- la ICOM Spa, a causa di questa congiuntura negativa del settore, ha contratto negli anni passività, che hanno portato i vertici aziendali a mettere in vendita l'azienda;
- la conseguenza di questa decisione ha prospettato l'ipotesi dell'applicazione della cassa integrazione per i dipendenti, anche se per un periodo limitato, sino alla definizione dell'acquisto dell'azienda da parte di un'altra società;

tenuto conto che:
- la situazione sopra descritta potrebbe determinare la chiusura delle attività aziendali, con gravi ripercussioni sia in termini economici che occupazionali nel nostro territorio;
- è dovere della classe politica e nello specifico dell'Amministrazione regionale, farsi carico anche di queste problematiche, al fine di trovare delle soluzioni per la salvaguardia dei posti di lavoro,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale all'industria per sapere:
1) se siano a conoscenza della grave crisi aziendale che ha colpito la Società ICOM Spa e cosa si intende fare per limitare quanto più possibile la chiusura di un'altra azienda che opera nel settore industriale;
2) quali azioni intendono porre in essere per salvaguardare i posti di lavoro favorendo un percorso che porti ad una eventuale acquisizione da parte di altre società del comparto, con il conseguente reimpiego delle maestranze;
3) quali azioni intendono porre in essere affinché i lavoratori coinvolti in questa grave crisi aziendale, non subiscano ripercussioni economiche sia personali che familiari.

Cagliari, 9 novembre 2018