CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1687/A

PERU - ZEDDA Alessandra - CHERCHI Oscar - COINU - FASOLINO - RANDAZZO - TEDDE - TOCCO - TUNIS, con richiesta di risposta scritta, sulla riorganizzazione della rete dei laboratori e la cancellazione del Centro analisi di Sassari.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- con deliberazione del Direttore generale n. 727 del 6 giugno 2018 viene approvata la "Fornitura in service area del siero chimica-clinica" - sistemi diagnostici per l'esecuzione di esami in chimica ed immunochimica per i laboratori ATS;
- dal capitolato speciale di appalto allegato alla suddetta deliberazione si evince che la gara per le aree siero viene suddivisa in due lotti, uno comprendente i laboratori delle aree di Olbia e Cagliari e uno comprendente i laboratori delle aree di Nuoro e Oristano;

preso atto che questa gara delinea, di fatto un nuovo modello organizzativo con l'accentramento delle analisi ambulatoriali di ciascun territorio in quattro hub: Olbia (con Tempio Pausania, Alghero e Ozieri spoke H24 e La Maddalena spoke orario ridotto), Nuoro (con Lanusei spoke H24 e Sorgono spoke orario ridotto), Oristano e Cagliari (con Carbonia spoke H24 e Iglesias, Muravera e Isili spoke orario ridotto), lasciando fuori il capoluogo Sassarese, hub di riferimento principale per il nord Sardegna e Macomer;

considerato che:
- questo nuovo disegno della rete dei laboratori di analisi rappresenta un vero e proprio colpo di mano adottato senza una vera delibera dell'ATS sull'organizzazione della rete dei laboratori, con la quale si vuole ridisegnare l'assetto dei centri specializzati per gli esami medici, dai prelievi ematici alle analisi cliniche;
- questa proposta non considera due fattori imprescindibili, il primo è che l'hub di riferimento principale per il nord Sardegna è nel capoluogo Sassarese, il secondo è che con questa operazione vengono sottratte così tutte le prestazioni di analisi (di pazienti esterni) dell'ATS che fanno capo a tutto il distretto, da Sassari a Ozieri sino ad Alghero;
- questa nuova "organizzazione della rete laboratoristica", è in contrasto con i dati emersi negli ultimi anni sul territorio, con un numero di prelievi che si aggira su un milione e mezzo di esami all'anno, più altri 100.000 (che si indirizzano dal laboratorio di base all'AOU) e 20 operatori impegnati nelle diverse attività solo nel complesso di Sassari;
- i campioni e le provette da sottoporre ad analisi saranno trasferiti nel distretto di Olbia, che conta oggi appena 700.000 analisi, meno della metà dei prelievi del laboratorio dell'area di Sassari; senza considerare i disagi legati ai rischi relativi al trasporto dei campioni e al costo per il trasferimento (si pensi ad alcune analisi di coagulazione che richiedono lavorazioni più accurate e delicate);

 preso atto che:
- questa gara di fatto smantella il sistema attuale del laboratorio analisi di Sassari con una continua e inesorabile erosione del sistema sanitario turritano, con la dilatazione dei tempi delle prestazioni e con i pazienti che sceglieranno di svolgere i prelievi nei laboratori privati;
- questo provvedimento vede la contrarietà della struttura dell'Assessorato,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per conoscere:
1) se siano a conoscenza delle problematiche sopracitate;
2) quali azioni si intendano intraprendere per porre rimedio a questa riorganizzazione della rete laboratoristica che danneggia tutto il territorio della Provincia di Sassari.

Cagliari, 22 novembre 2018