CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1713/A

LAI - COCCO Daniele Secondo - PIZZUTO - ZEDDA Paolo Flavio, con richiesta di risposta scritta, sull'attuazione delle disposizioni di cui all'articolo 6, comma 7, della legge regionale 5 novembre 2018, n. 40, in materia di superamento del precariato previste all'articolo 20 del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75.

***************

I sottoscritti,

premesso che in data 5 novembre 2018 è stata approvata la legge regionale n. 40 che, al comma 7 dell'articolo 6, prevede l'attuazione delle disposizioni di superamento del precariato previste all'articolo 20 del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75;

preso atto che a maggio 2017 è stata effettuata una ricognizione di tutto il personale a tempo determinato in possesso dei requisiti e che quindi, acquisiti i dati necessari, non è necessario aspettare oltre in merito agli adempimenti di cui all'articolo 6, comma 7, della citata legge regionale n. 40 del 2018;

rilevato che occorre dare tempi certi sulle procedure di definizione delle posizioni di molti precari storici per porre rimedio, come statuito, a situazioni non più tollerabili;

ritenuto ineluttabile avviare immediatamente le procedure di stabilizzazione programmate,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore degli affari generali, personale e riforma della Regione per sapere se:
1) siano a conoscenza della situazione descritta;
2) non ritengano opportuno, nel rispetto degli obiettivi economici fissati dalle disposizioni nazionali e regionali, attivare gli atti prodromici, in conformità delle vigenti disposizioni normative in materia di stabilizzazione del personale ed in particolare dall'articolo 6, comma 7, della legge regionale n. 40 del 2018, alla graduale trasformazione delle posizioni già ricoperte nell'ambito di enti, agenzie, aziende e istituti regionali del sistema Regione e facenti riferimento allo svolgimento di attività istituzionali e continuative, in posizioni di lavoro dipendente a tempo indeterminato;
3) non ritengano opportuno, altresì, garantire tempi certi di attuazione delle procedure.

Cagliari, 13 dicembre 2018