CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1729/A

TEDDE - ZEDDA Alessandra - COINU - CHERCHI Oscar - FASOLINO - PERU - RANDAZZO - TOCCO - TUNIS, con richiesta di risposta scritta, sulla destinazione dell'immobile di proprietà della Regione sede, fino al qualche mese fa, del Centro residenziale per anziani di Alghero.

***************

I sottoscritti,

premesso che, a seguito di alcune gravi criticità strutturali riscontrate presso l'immobile di proprietà della Regione che ospitava il Centro residenziale per anziani di Alghero, che ne hanno compromesso l'agibilità, nello scorso mese di luglio l'Amministrazione comunale di Alghero ha deciso di trasferire il centro e gli ospiti prima nei locali delle scuola alberghiera e poi, nello scorso mese di settembre, presso i locali che ospitavano l'Ostello della gioventù ubicato nella borgata di Fertilia;

premesso, altresì, che con deliberazione del Consiglio comunale n. 60 del 12 ottobre 2018, il Comune di Alghero ha impegnato il Consiglio medesimo, il Sindaco e la Giunta a individuare un area da destinare all'edificazione di un nuovo centro residenziale per anziani, valutando che la riparazione e messa in sicurezza dell'immobile che aveva ospitato fino al mese di luglio 2018 il centro per anziani, sarebbe risultata antieconomica sulla scorta di una perizia tecnica del 5 ottobre 2018;

dato atto che, a quanto consta, l'Amministrazione comunale intenderebbe destinare l'immobile di proprietà della Regione, sede fino allo scorso mese di luglio del Centro residenziale per anziani di Alghero, a sede della scuola alberghiera che è attualmente ospitata presso l'immobile ex ESIT ubicato in piazza Sulis ad Alghero;

dato atto, altresì, che, in particolare, nella seduta di Consiglio comunale di Alghero del 12 novembre 2018 il Sindaco ha dichiarato che la legge finanziaria per il 2011 della Regione, prevede che l'ex hotel ESIT di proprietà della Regione, oggi sede dell'istituto alberghiero, venga ceduto e con il ricavato venga costruita una nuova scuola alberghiera con annesso convitto;

evidenziato che secondo le dichiarazioni del Sindaco di Alghero pronunciate nel corso della predetta seduta di Consiglio comunale, sarebbe intenzione dell'Amministrazione comunale concedere alla Regione l'area sulla quale attualmente insisteva fino a qualche mese fa il Centro residenziale anziani di Alghero, allo scopo di consentire la realizzazione della nuova scuola alberghiera nella convinzione che il vincolo di uso civico gravante sull'area possa essere superato con l'approvazione del PUC;

considerato che la legge regionale n. 4 del 1988 all'articolo 12 dispone il trasferimento ai comuni della titolarità delle competenze e funzioni amministrative nel settore socio-assistenziale e che al successivo articolo 48 dispone il trasferimento dei beni mobili ed immobili strumentali allo svolgimento delle predette funzioni, tra i quali risulta l'immobile che ospitava fino allo scorso mese di luglio il Centro residenziale per anziani di Alghero;

rilevato che lo stesso articolo 48 della legge regionale n. 4 del 1988 prevede che il trasferimento dei suddetti beni sarebbe dovuto avvenire con provvedimento della Giunta Regionale da adottarsi entro sessanta giorni dall'approvazione delle stessa legge e che ad oggi, tuttavia, non risulta ancora adottato;

rilevato, altresì, pertanto, che la proprietà dell'immobile che ospitava il Centro per anziani di Alghero è ancora in capo alla Regione, unico soggetto titolato a disporre circa la sua destinazione;

considerato, peraltro, che l'immobile in questione (manufatto e terreno) è soggetto ad uso civico e che l'intestazione al Comune di Alghero "è da intendersi al solo fine di individuare l'ente esponenziale cui competete la gestione del bene, ma senza che ciò possa in alcun modo mutare la titolarità del diritto, che spetta indistintamente ai c.d. "cives".", così come ribadito dagli indirizzi di carattere interpretativo e applicativo in materia di usi civici emanati dalla Regione e contenuti nell'allegato alla deliberazione di Giunta regionale n. 48/30 del 17 ottobre 2017;

considerato, altresì, che, pertanto, la distrazione dall'attuale destinazione del predetto immobile a quella prospettata dall'Amministrazione comunale di Alghero è subordinata alla decisione in tale senso da parte del proprietario, cioè della Regione e, soprattutto, dalla rimozione del vincolo di uso civico gravante su di esso;

osservato che alla luce della dichiarazione di incostituzionalità ad opera della sentenza n. 178 del 26 luglio 2018 degli articoli 13, comma 1, 29, comma 1, lettera a), 37, 38 e 39 della legge regionale n. 11 del 2017, gli unici istituti attualmente applicabili ai fini della "sclassificazione", cioè della rimozione del vincoli di uso civico, sono quelli previsti dalla legge n. 1766 del 1927 e che la Corte costituzionale nella predetta sentenza ha stabilito che "il presupposto indefettibile della previa "classificazione", può concretarsi solo nelle fattispecie legali tipiche, nel cui ambito procedimentale è ricompreso anche il concerto tra Regione e Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare";

osservato, altresì, che alla luce di quanto rappresentato l'immobile che ospitava il Centro residenziale per anziani non può essere distratto dalla sua attuale destinazione senza una decisione in tal senso da parte della Regione e senza la preventiva rimozione del vincolo di uso civico che passa attraverso un'intesa tra Stato e Regione in tema di copianificazione che oggi manca e che non può, pertanto, essere sostituita da un attività autonoma in materia da parte della Regione e tantomeno del comune;

sottolineato, nondimeno, che il suddetto vincolo non può essere certamente superato con l'approvazione da parte del Comune di Alghero del PUC, così come, invece, erroneamente dichiarato dal Sindaco di Alghero nel corso della seduta di Consiglio comunale del 12 novembre 2018,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione per conoscere:
1) se vi sia l'intendimento da parte della Giunta regionale di dare attuazione all'articolo 48 della legge regionale n. 4 del 1988, procedendo con proprio provvedimento al trasferimento della proprietà dei beni mobili ed immobili ai comuni in finizione delle attribuzioni che con la predetta legge sono state ad essi assegnate, ed, in particolare, procedendo al trasferimento della proprietà al Comune di Alghero dell'immobile che fino a quale mese fa ha ospitato il Centro residenziale per anziani di Alghero;
2) quali siano le decisioni che l'Amministrazione regionale intende assumere in ordine alla destinazione dell'immobile che fino allo scorso mese di luglio ha ospitato il Centro residenziale per anziani di Alghero e che ad oggi è gravato dal vincolo di uso civico rimuovibile esclusivamente previa intesa con lo Stato ad oggi mancante.

Cagliari, 7 gennaio 2019