CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1736/A

LEDDA, con richiesta di risposta scritta, sulla chiusura del consultorio presso la Casa della salute di Gavoi.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- con la deliberazione n. 48/19 del 29 novembre 2007 é stato approvato il programma di riorganizzazione della rete dei consultori familiari;
- nella riorganizzazione della rete dei consultori il comune di Gavoi viene individuato tra le sedi principali della provincia di Nuoro;

considerato che:
- la scelta delle sedi principali è effettuata tenuto conto della viabilità, della centralità rispetto al bacino di utenza e dello stato dei locali;
- il fine principale dei dislocamenti periferici dei servizi é proprio quello di evitare pesanti disagi per i cittadini e le gravi conseguenze sulla loro salute;

rilevato che:
- é notizia recente la chiusura del consultorio presso la Casa della salute di Gavoi;
- la chiusura del consultorio costringe la fascia più debole della popolazione di Gavoi a recarsi nel centro di Nuoro e subire di fatto un disservizio;

sottolineato che:
- il diritto alla salute é fondamentale e inviolabile;
- lo stesso Presidente della Regione, durante l'inaugurazione della casa della salute di Gavoi, dichiarò che "si può restare in luoghi bellissimi, senza dover andar via, perché ci sono servizi come questo che permettono di vivere bene", che "se lo Stato arretra nei piccoli centri, soprattutto delle zone interne, la Regione avanza" e che "si lavorerà per eliminare gli sprechi e utilizzare i risparmi per migliorare i servizi peri cittadini",

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se siano a conoscenza di quanto esposto;
2) se non ritengano di dover immediatamente valutare le gravi conseguenze della chiusura del consultorio presso la Casa della salute di Gavoi e intervenire presso l'ATS per rimediare all'interruzione del servizio, al fine di evitare che gli abitanti di Gavoi siano costretti a recarsi a Nuoro per doversi curare.

Cagliari, 21 gennaio 2019