CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1739/A

COCCO Daniele Secondo, con richiesta di risposta scritta, sulle criticita' dell'appalto del Servizio di assistenza e cure domiciliari afferente al distretto sanitario di Ozieri ed in particolare per il territorio del Goceano.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- con deliberazione n. 64 del 9 febbraio 2016, il commissario straordinario dell'ASL 1 di Sassari affidava l'appalto del Servizio di Assistenza e cure domiciliari del territorio, tramite procedura ristretta con contratto di durata biennale rinnovabile di anno in anno per altri tre, all'operatore economico "Cooperativa Elleuno scs";
- con sentenza n. 02022/2017, depositata il 3 maggio 2017, il Consiglio di Stato ha accolto l'appello dell'operatore economico "Coop. Sociale CTR ONLUS", annullando l'aggiudicazione all'operatore economico "Cooperativa Elleuno scs " con contestuale scorrimento della graduatoria fino al terzo classificato, nella fattispecie l'operatore economico Costituendo RTI Coop. Sociale CTR ONLUS (mandataria), ADISS Cooperativa sociale (mandante), Cooperativa sociale geriatrica Serena (mandante);
- con deliberazione del direttore generale n. 832 del 29 giugno 2018, l'ATS Sardegna affidava l'appalto del Servizio di assistenza e cure domiciliari afferente al territorio dell'ex ASL 1 di Sassari al Costituendo RTI Coop. Sociale CTR ONLUS (comprendente la Coop. Sociale CTR ONLUS per il distretto di Sassari, la Coop. geriatrica Serena per il Distretto di Ozieri e la Coop. Sociale Adiss per il Distretto di Alghero);
- a seguito dell'affidamento del Servizio di Assistenza e cure domiciliari il nuovo operatore economico comunicava alle organizzazioni sindacali di avere difficoltà nel riconoscere le ore di assistenza precedentemente erogate dalla Cooperativa Elleuno scs. (operatore economico uscente), in quanto gli accessi, per i pazienti seguiti dagli OSS, avevano subito dei tagli da parte dell'ATS Sardegna;

considerato che:
- il Servizio di Assistenza domiciliare integrata (ADI) svolge un importantissimo servizio socio sanitario erogato al paziente all'interno della sua abitazione, con prestazioni fornite da diversi professionisti quali medici, operatori socio sanitari (OSS), fisioterapisti, farmacisti, psicologi, ecc.;
- l'ADI ha l'obiettivo di evitare, per quanto possibile, il ricovero del paziente in ospedale (o la sua collocazione in una struttura residenziale RSA) oltre il tempo strettamente necessario, al fine di evitare una situazione traumatica per pazienti e familiari oltre che un aggravio economico per il servizio di assistenza sanitaria;
- la deliberazione della Giunta regionale n. 35/17 del 10 luglio 2018 "Sistema delle Cure domiciliari integrate (CDI) e delle cure domiciliari palliative ai malati terminali (CPD)" riorganizza in maniera organica e completa il sistema delle cure domiciliari al fine di perseguire l'obiettivo generale della effettiva integrazione sociosanitaria e della appropriatezza organizzativa dei servizi;
- da diverso tempo i pazienti che usufruiscono dell'assistenza domiciliare del distretto di Ozieri, ed in particolare i pazienti del territorio del Goceano, lamentano gravi disservizi nell'assistenza e cura domiciliare e che gli stessi sono costretti a rivolgersi a strutture private a pagamento o essere inseriti nei programmi di assistenza comunale;
- il distretto di Ozieri, facente parte dell'Area Socio Sanitaria Locale (ASSL) di Sassari, comprende i comuni di Anela, Ardara, Benetutti, Bono, Bottidda, Bultei, Burgos, Esporlatu, Illorai, Ittireddu, Mores, Nughedu San Nicolò, Nule, Ozieri, Pattada e Tula;
- il mantenimento di importanti servizi essenziali, quali quelli dell'assistenza sociosanitaria, contribuisce a limitare preoccupanti fenomeni di spopolamento e impoverimento dei territori, specialmente delle aree interne della Sardegna, contribuendo allo sviluppo economico e sociale dei piccoli centri;

ritenuto che:
- sia necessario garantire l'erogazione dei servizi ADI in maniera omogenea e capillare in tutta la regione al fine di tutelare maggiormente i pazienti dei piccoli comuni e i territori dell'interno già fortemente penalizzati dalle difficoltà di spostamento per carenza ed obsolescenza delle infrastrutture stradali;
- sia fondamentale che l'ATS Sardegna valuti in maniera più precisa e aderente alle specificità dei territori, l'erogazione dei servizi ADI in tutto il territorio regionale;

valutata la grande preoccupazione degli operatori professionali, delle organizzazioni sindacali e delle comunità dell'interno della Sardegna sui tagli nell'erogazione dei servizi sociosanitari, in popolazioni già interessate da una profonda crisi economica e occupazionale nonché dai limiti dettati dalla morfologia del territorio che, inevitabilmente, ne favoriscono un inesorabile isolamento e impoverimento;

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) quali iniziative intendano assumere al fine di garantire un adeguato Servizio di assistenza e cure domiciliari (ADI) per il distretto sanitario di Ozieri ed in particolare per il territorio del Goceano;
2) se sia ammissibile che il piano di riorganizzazione del sistema delle cure domiciliari si basi su una mera razionalizzazione dei costi (tagli degli accessi per i pazienti seguiti dagli OSS) senza considerare le specificità della regione, ed in particolare delle aree interne, quali distanze tra i vari centri, qualità delle infrastrutture, composizione della popolazione, disagio sociale ed economico..

Cagliari, 25 gennaio 2019