CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XV Legislatura

Ufficio Stampa

Nota stampa della seduta n. 237
Martedì 27 Giugno 2017 - Pomeridiana

Approvato il Disegno di legge n.408/A “Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia”.

Via libera al conto consuntivo del Consiglio.

 

Cagliari, 27 giugno 2017 -  La seduta si è aperta sotto la presidenza del presidente Gianfranco Ganau. Dopo le formalità di rito, il Consiglio ha ripreso l’esame dell’ordine del giorno, con l’art.14 (“Contributi per la predisposizione degli strumenti urbanistici”) del Dl n.408/A-Giunta regionale-“Disposizioni urgenti in materia di urbanistica ed edilizia”, che è stato approvato con 28 voti favorevoli e 14 contrari.

Numerose le modifiche apportate al testo a seguito dell’approvazione di specifici emendamenti.

L’Art. 15 (“Disposizioni di salvaguardia dei territori rurali”), in particolare, è stato approvato nel testo integrale.

L’art. 15bis (“Superamento delle condizioni di degrado dell’agro”) è stato integrato a seguito dell’approvazione di un emendamento del capogruppo di Cps Pierfranco Zanchetta che proroga la presentazione dei permessi di costruire fino al 31 dicembre 2020.

L’art. 15ter (“Frazionamento delle unità immobiliari a seguito di incremento volumetrico”) è stato approvato integralmente.

L’Art. 16 (“Interventi di incremento volumetrico del patrimonio edilizio esistente”) è stato integrato con l’approvazione dell’emendamento n. 22 (Antonio Solinas e più) che assegna priorità assoluta alle pratiche relative ad immobili in cui siano presenti portatori di handicap.

L’art. 17 (“Interventi di incremento volumetrico in aree destinate ad attività turistico-ricettive”) è stato approvato integralmente, così come gli articoli 18 (“Interventi per il riuso e recupero dei sottotetti esistenti”) e 19 (“Interventi per il riuso degli spazi di grande altezza”).

L’art.20 (“Condizioni di ammissibilità degli interventi”) è stato invece modificato dall’emendamento n.305, presentato dalla Giunta, che abroga la lettera C dell’art.34 della legge regionale 8/2015. Approvati integralmente gli articoli 21 (“Disposizioni comuni”) e 22 (“Interventi di trasferimento volumetrico per la riqualificazione ambientale e paesaggistica”).

L’art.23 (“Rinnovo del patrimonio edilizio con interventi di demolizione e ricostruzione”) è stato integrato da alcuni emendamenti: il n.289 (Agus) che esenta gli interventi nelle zone A e B dall’individuazione di nuovi spazi per parcheggi o dalla relativa monetizzazione in caso di accertamento dell’impossibilità tecnica documentata da un progettista abilitato; il n. 306 (Giunta) che prevede l’applicazione della procedura precedente anche nelle zone A localizzate all’interno dei centri di antica a prima formazione, il n.307, sempre della Giunta, che indica i criteri per la determinazione dei costi di costruzione ed il 290 (Agus) che scorpora, dai costi di costruzione, quelli per lo smaltimento o trattamento dei materiali derivanti dalla demolizione.

L’art.24 (“Misure di promozione dei programmi integrati per il riordino urbano”) è stato approvato integralmente, cosi come il 24bis (“Disposizioni transitorie della legge regionale 4/2009”).

All’art.25 (“Competenza del Comune”) sono state apportate alcune modifiche contenute in altrettanti emendamenti: il n.265 (Solinas Antonio-Pier Mario Manca) che consente interventi limitati di mantenimento dei terreni anche in assenza di regolamento sugli usi civici, il 266 (idem) ed il 308 (che specifica le procedure di valutazione degli aspetti paesaggistici dei terreni da parte della Regione e del Ministero dei Beni culturali, il 268 ed il 310 (idem) in materia di sdemanializzazione di terreni civici, il 276 ed il 309 (idem) sui poteri sostitutivi del Ministero, il 269 (idem) sui trasferimenti del diritto di uso civico ed il 267 (idem) riferito alle condizioni per la sdemanializzazione.

Soppressi gli articoli 26 e 27, sono stati approvati integralmente gli articoli 27 bis (“Demanio marittimo-funzioni dei Comuni”), mentre sono stati soppressi gli articoli dal 28 al 32 compreso.

All’art.33 (“Disposizioni finali-abrogazioni”) sono state apportate alcune modifiche, contenute negli emendamenti n.9 (Solinas Antonio-Pier Mario Manca-Cocco Pietro) e 312 (Giunta). Il primo prevede l’abrogazione di disposizioni precedenti mentre il secondo, in relazione alle legge regionale 45/89, mantiene in vigore le norme dei Pul (Piani urbani dei litorali) già approvati.

Approvati senza modifiche, infine, gli art. 34 (“Norma finanziaria”) e 35 (“Entrata in vigore”). (Af)

Approvato il Dl 408, l’Aula è passata all’esame del conto consuntivo del Consiglio.

Il questore Anedda ha illustrato il documento, ha esposto i numeri finanziari e ha detto che il Consiglio ha “introdotto il nuovo sistema di contabilità per l’eliminazione dei residui passivi, avvicinando la spesa prevista a spesa effettiva. «Abbiamo un fondo cassa al primo gennaio di oltre 17 milioni e un risultato di amministrazione di 19 milioni».

Il conto consuntivo e gli allegati sono stati approvati dall’Aula.

Anche il rendiconto del Corecom è stato approvato insieme al rendiconto dei fondi dei Gruppi.

Il presidente del Consiglio ha dichiarato conclusi i lavori,  che riprenderanno domani alle 10. (C.C)