CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XV Legislatura

Ufficio Stampa

Nota stampa della seduta n. 244
Mercoledì 13 Settembre 2017 - Antimeridiana

Il Consiglio approva la proposta di legge n.446/A (Modifiche alla legge regionale n.16/2017 “Norme in materia di turismo”),

Via libera al Programma di attività per il 2017 del Corecom.

 

La seduta si è aperta sotto la presidenza del presidente Ganau che, dopo le formalità di rito, ha ricordato l’ex consigliere Salvatore Ladu, scomparso recentemente a Cagliari dopo una non breve malattia.

Al termine del minuto di silenzio in ricordo dell’ex esponente di Dc, Ppi e Pd, il capogruppo del Partito dei sardi, Gianfranco Congiu, ha contestato la nomina dei componenti il Cda dell’Ersu di Sassari e le modalità adottate da parte del presidente del Consiglio: «Con i poteri sostitutivi contestiamo l’abuso fiduciario del rapporto politico tra le forze della maggioranza e per tale ragione annunciamo l’abbandono dei lavori dell’Aula».

Il presidente Ganau ha ribadito la correttezza delle procedure e l’opportunità della scelta ed ha quindi sospeso i lavori per qualche minuto. Alla ripresa il Consiglio ha proseguito l’esame della proposta di legge n.446/A (Modifiche alla legge n.16/2017 “Norme in materia di turismo”) interrotto ieri per mancanza di numero legale. Sono stati approvati, con distinte e successive votazioni, l’articolo 1 (abrogazioni), con 27 voti a favore su 28 votanti; l’emendamento aggiuntivo n. 10 (Crisponi e più) che introduce, dopo il comma 4 dell’articolo 10 della legge 16\2017, le campagne di sensibilizzazione  regionali per contrastare l’asportazione di sabbia, ciottoli, sassi  o conchiglie dal litorale o dal mare; gli emendamenti aggiuntivi a firma Lotto e Pietro Cocco, n. 2, n. 3,  n. 4 e n. 9 che specificano e introducono precisazioni tecniche singole parti del provvedimento approvato lo scorso luglio.

Aperta la discussione sull’articolo 2 (Entrata in vigore) il consigliere dei Riformatori, Michele Cossa, ha rivolto un appello ai consiglieri della maggioranza per il ritiro della proposta di legge in discussione («volete abrogare una norma di buon senso e non tenete conto delle indegne speculazioni in atto proprio sul tema dell’accoglienza»). « Faccio appello alla resipiscenza da parte dei colleghi – ha concluso l’esponente della minoranza -  ritirate questa proposta e concentriamoci sul tema dell’accoglienza e dell’integrazione dei migranti».

Il consigliere di Fi, Antonello Peru, ha insistito sulla bontà della norma approvata per il tramite del suo emendamento alla legge 16 e che, come noto, imponeva, a chi beneficiava dei contributi regionali per il miglioramento delle strutture e dei servizi turistici, l’utilizzo di tali strutture soltanto ai fini della ricettività turistica per almeno cinque anni. «Non si comprende – ha affermato l’esponente della minoranza – perché il centrosinistra si accanisca a cancellare un provvedimento di buon senso che ha raccolto il favore di tanti, ad incominciare da quello degli albergatori». Peru ha quindi concluso con l’invito al centrosinistra a ritirare la proposta di legge in discussione.

Posto in votazione l’articolo 2 è stato approvato con 27 a favore e 12 contrari. Per dichiarazione di voto sono intervenuti i consiglieri, Luigi Crisponi (Riformatori) che ha ribadito il voto contrario («l’emendamento Peru faceva una giusta distinzione tra operatori del turismo e dell’accoglienza») e Attilio Dedoni (Riformatori), anch’egli contrario («chi usa la carità pelosa per fare proselitismo politico, chi fa il terzomondista in maniera indegna, è fuori della realtà») e Giuseppe Fasolino (Fi), contrario, («non entro nel merito dell’accoglienza perché abbiamo approvato la legge sul turismo: o questa maggioranza pensa che l’accoglienza possa rientrare in una qualche strategia turistica oppure state sottraendo risorse al turismo»). (A.M.)

Il consigliere Marco Tedde, vice capogruppo di Forza Italia, ha condiviso le affermazioni del collega Fasolino perché, ha sostenuto, «la maggioranza si sta accollando un brutto rischio quello di far partecipare a bandi per il turismo strutture che fanno altro, dovendole per giunta finanziare; è un gravissimo errore politico e culturale, una cosa incomprensibile per gli imprenditori turistici e per tutti i sardi». L’accoglienza, ha sostenuto infine, «ha bisogno di provvedimenti ad hoc e non della solita carità pelosa della sinistra radicale».

Il capogruppo di Forza Italia Pietro Pittalis ha affermato che «anche all’interno della maggioranza si sta facendo strada la consapevolezza dell’errore, che però non si ha il coraggio di portare all’esterno». Sui migranti peraltro, ha osservato, «avremo molto da dire, per esempio su un recente bando da 11 milioni per 800 ospiti, segno inequivocabile che le risorse ci sono, a proposito, domani sarà qui il Capo della Polizia e noi domani non ci saremo proprio per protestare contro la gestione del problema dei migranti in Sardegna da parte del Governo». Noi non facciamo lo scendiletto di nessuno, ha concluso Pittalis, e non dobbiamo sempre chinare il capo a qualcuno che viene da Roma, dobbiamo anzi alzare l’asticella nei confronti dello Stato per dire ad alta voce che la Sardegna, anche in riferimento alla vicenda delle scorie nucleari, non può diventare la pattumiera del continente».

Il presidente della commissione Attività produttive Luigi Lotto (Pd) ha condiviso buona parte del ragionamento del collega Crisponi, ricordando che «la commissione ha profuso un grande impegno per una legge in grado di rilanciare il turismo sardo». Dispiace perciò, ha lamentato, «di aver impiegato molto tempo a discutere di un argomento estraneo alla legge; ragioneremo in seguito di accoglienza e soprattutto di integrazione per ospitare i migranti presso le nostre comunità in maniera umana, e resta il rammarico per un emendamento che ha trascinato la legge su un altro terreno rendendo necessaria e giusta la modifica di quella parte».

Non essendoci altri iscritti a parlare il presidente ha messo in votazione la legge, che il Consiglio ha approvato con 27 voti favorevoli e 12 contrari.

L’Assemblea ha quindi proseguito i sui lavori con l’esame del documento relativo all’attività 2017 del Corecom (Comitato regionale delle comunicazioni).

La relatrice Daniela Forma (Pd) ha ricordato in apertura che il 2017 è stato un anno record per le conciliazioni con un dato tendenziale vicino alle 1500 istanze nella materia dei contratti fra privati e gestori della telefonia mobile e della pay-tv. Per quanto riguarda quelle già definite, ha proseguito la Forma, «sono state oltre 700 di cui più di 400 a favore dei cittadini nella sedi di Cagliari e Sassari, a testimonianza di una attività incisiva ed efficiente del Comitato e del gradimento da parte dell’utenza di decentrate l’esame delle pratiche anche a Sassari, scelta che sta incontrando l’interesse di altri Comuni». Per quanto riguarda le risorse disponibile, ha aggiunto la consigliera, «la commissione ha deciso una riduzione rispetto alla richiesta confermando lo stanziamento dell’anno precedente di oltre 200.000 euro». Da sottolineare in conclusione, ha detto ancora la Forma, «l’attività svolta dal Comitato nel monitoraggio delle stazioni televisive che utilizzano contributi regionali in collaborazione con l’Università di Cagliari attraverso due borse di studio».

Successivamente è stato presentato un ordine del giorno di condivisione dell’attività del Corecom che il Consiglio ha approvato.

Subito dopo il presidente ha tolto la seduta aggiornandola a domattina alle 9.30 per la cerimonia cui parteciperà il Capo della Polizia Franco Gabrielli ed ha convocato la conferenza dei capi gruppo. (Af)